Lavoratori in nero, ambulanti abusivi e posteggiatori: "stangata" a San Leone

I carabinieri hanno tracciato il bilancio dei diversi blitz eseguiti nel quartiere balneare, una presenza costante che ha dissuaso i commercianti illegali di prendere d'assalto il viale Falcone-Borsellino

Quella trascorsa è stata una stagione estiva caratterizzata da una massiccia intensificazione dei servizi di prevenzione a San Leone, attuati dai Carabinieri per contrastare i fenomeni dell’abusivismo commerciale e dei parcheggiatori irregolari. Dopo tre mesi di ininterrotta presenza sul lungo mare, con l’assiduo contributo della locale Polizia Municipale, i Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento hanno tracciato un bilancio delle attività svolte nella nota località balneare. Ed i risultati sono stati quelli sperati. Infatti, la semplice e costante presenza quotidiana dei militari dell’Arma lungo i viali di San Leone, ha letteralmente dissuaso la grande massa di commercianti ambulanti che negli anni scorsi aveva invaso le strade del litorale San leonino. Inoltre, gli innumerevoli blitz svolti da Carabinieri in borghese tra le varie file di auto in sosta, hanno consentito di scovare in totale sedici parcheggiatori abusivi, sorpresi mentre effettuavano l’illecita attività, pretendendo l’obolo da turisti e cittadini che avevano parcheggiato l’auto. In tutto sono stati sequestrati circa 2.000 euro in contanti, trovati nelle tasche dei parcheggiatori abusivi. Nei loro confronti, inoltre, si è levata una vera e propria stangata, con oltre 20.000 euro di sanzioni pecuniarie.

Per l’operazione di prevenzione sono stati impiegati 500 carabinieri che hanno pattugliato intensamente l’area in questione per oltre 3.000 ore, identificando e denunciando in totale all’Autorità Giudiziaria dodici venditori ambulanti irregolari, con il sequestro di un cospicuo quantitativo di merce contraffatta (borse, portafogli e scarpe, tutto rigorosamente griffato), elevando ulteriori sanzioni per circa 15.000 euro. Frequenti, inoltre, sono stati i blitz attuati con il supporto dei reparti speciali (in particolare il Nucleo CC Antisofisticazioni e Sanità, il Nucleo CC Ispettorato del Lavoro), che hanno permesso di eseguire verifiche per la tutela della salute dei consumatori ed il contrasto del lavoro irregolare. Il bilancio è di dieci attività di ristorazione controllate. In tre casi sono scattate le denunce e sanzioni per oltre 25.000 mila euro con il sequestro di circa un quintale di prodotti alimentari. 

Quanto invece al lavoro irregolare, durante le verifiche, in totale, sono stati scoperti 3 lavoratori “in nero”. 

Il risultato finale della massiccia operazione di prevenzione, in definitiva, è stato raggiunto, ovvero zero ambulanti abusivi per il periodo estivo a San Leone, consentendo così ai cittadini di poter tornare a godersi liberamente il lungo mare della città di Agrigento.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendiato il Postamat, impossibile ipotizzare un tentato furto: è mistero

  • Licata

    Bivaccano e spaventano con 7 cani i clienti dell'ufficio postale, arrestati

  • Cronaca

    Ladro acrobata sale sulla grondaia e ruba cinque cardellini

  • Cronaca

    L'intimidazione al sindaco Lillo Zicari, non s'è parlato di "tutela" in Prefettura

I più letti della settimana

  • L'incubo statale Agrigento-Palermo: ecco dove resta chiusa e tutte le deviazioni

  • Scommesse on line con la regia della mafia, coinvolti quattro agrigentini

  • Due colpi di fucile contro il portone e uno contro la camera da letto: 40enne nel mirino

  • "Fiumi" di cocaina e hashish lungo le vie della movida: nei guai una decina di giovani

  • "Arnone non è stato ascoltato", Sgarbi scrive a Mattarella

  • Scoperta una piantagione di marijuana "fai da te": arrestata un'intera famiglia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento