Calci, pugni e bottigliate: gli immigrati tornano a contendersi la piazza di spaccio?

Una decina gli extracomunitari coinvolti nella maxi rissa. All'arrivo delle pattuglie della polizia tutti si sono dileguati senza lasciarsi tracce dietro le spalle

Un precedente controllo della polizia

Calci, pugni e forse pure qualche bottigliata. Il tutto accompagnato da urla forsennate e incomprensibili. Nuove scene da Far West, nella notte fra venerdì e ieri, in piazza Ravanusella: location privilegiata, per gli immigrati originari del Gambia, per lo spaccio di stupefacenti. A darsele di santa ragione, componendo quella che è stata un’autentica rissa, sarebbero stati una decina di extracomunitari. Tre o quattro le segnalazioni giunte alla centrale operativa della polizia di Stato. A lanciare l’allarme alcuni residenti della zona del centro storico. Gente che, inevitabilmente, è stata inquietata da quelle urla a perdifiato. Una manciata di minuti dopo aver acquisito l’Sos, in piazza Ravanusella si sono precipitate le pattuglie della sezione Volanti della Questura.

All’arrivo degli agenti, gli immigrati – verosimilmente una decina – che si stavano azzuffando, si sono immediatamente dileguati. A gambe levate, tutti hanno fatto perdere le loro tracce. I poliziotti, alla ricerca degli esagitati, hanno rastrellato tutte le viuzze alle spalle della centralissima via Atenea. Nessun dubbio – ma neanche nessuna certezza investigativa - sul fatto che la rissa, l’ennesima in quella zona, potrebbe essere divampata proprio a causa dello spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti hanno anche ispezionato strade e cortili alla ricerca di “roba”, magari lasciata cadere dai migranti durante la fuga. Non è stato trovato niente, né abbandonato sul selciato, né nascosto fra buchi e fessure di muretti e case abbandonate. Perché se è vero che, nelle scorse settimane, gli operai – con la presenza dei carabinieri – si sono adoperati per tappare tutti i possibili nascondigli di droga, è vero pure che nei giorni seguenti altro hashish era saltato fuori, nonostante fosse stato nascosto, ad un nuovo controllo della polizia di Stato.

I poliziotti della sezione Volanti, nella notte fra venerdì e ieri, hanno verificato se qualcuno dei coinvolti nella rissa di piazza Ravanusella si sia portato, in quanto ferito, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”. Ma anche questa verifica ha dato un risultato negativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento