Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

La vittima è stata stata colpita al labbro. Il 41enne sanguinante è scappato in direzione della caserma dei carabinieri, mentre l’aggressore continuava ad urlare minacciandolo di morte

L'auto incendiata a Ribera

Viene svegliato di soprassalto perché qualcuno gli ha incendiato la macchina. In pigiama, trafelato, scende in strada: in corso Umberto I dove c'è, appunto, l'auto avvolta dalle fiamme e dal fumo. Mentre tante persone si adoperavano per avere la meglio sull'incendio, il 41enne - proprietario dell'auto - è stato avvicinato da un ventiseienne che gli avrebbe fatto segno di seguirlo. Un passo in più e il 41enne s'è visto raggiungere al volto dal fendente di un coltellino. Sanguinante al labbro, la vittima dell'aggressione è scappata e s'è rifugiata alla caserma dei carabinieri di Ribera. Il tutto mentre l'aggressore continuava - stando all'accusa - ad urlare, minacciandolo di morte. 

Mattinata infernale quella di mercoledì in corso Umberto I a Ribera dove i carabinieri hanno arrestato - per lesioni, porto abusivo di armi, minacce e resistenza a pubblico ufficiale - un ventiseienne, A. S., già noto alle forze dell'ordine. 

Dopo aver accolto, in caserma, il ferito, i carabinieri hanno battuto palmo a palmo le strade della città. Ed è proprio in corso Umberto I, dove l’auto era ormai completamente in fiamme, che è stato trovato l’aggressore. Riconosciuto grazie alla minuziosa descrizione fatta dalla vittima, i militari, nonostante la strenua resistenza, sono riusciti a immobilizzarlo e portarlo in tenenza. Dalla perquisizione effettuata dai militari, oltre al coltellino utilizzato per colpire la vittima, hanno rinvenuto anche un accendino. Il 26 enne di Ribera, già noto alle forze dell’ordine è stato dunque arrestato in flagranza di reato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica di Sciacca, stanno adesso continuando per cercare di ricostruire nel dettaglio la vicenda e di fare luce anche sull’incendio dell’auto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • La curva epidemiologica continua a salire: c'è un caso in più di Coronavirus a Favara, confermato l'esito test a 92enne

  • Esce di casa per fare la spesa anziché restare in isolamento: denunciata 48enne rientrata dal Nord

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento