Rettifica dei confini fra Agrigento e Favara, "osservazione" blocca l'iter

La procedura si concluderà con il referendum cui saranno chiamati ad esprimersi i cittadini con abitazioni o attività nelle porzioni di terreno da scambiare 

Una veduta di Favara

Rettifica dei confini fra Favara ed Agrigento. "L'osservazione" - sulla delibera di Consiglio che approvava le intese raggiunte dalle commissioni sullo scambio dei territori - presentata da un cittadino ha bloccato l'iter. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Il favarese sarebbe stato danneggiato dalla nuova linea di confine che avrebbe diviso il suo piccolo appezzamento di terreno, dove aveva costruito anche una casa agricola, in due, con una parte finita sotto la potestà d’imperio del Comune di Favara e con l’altra sotto quella del Comune di Agrigento. La sua richiesta, che appare legittima, è quella di ricondurre l’area sotto la competenza di un’unica amministrazione, preferibilmente di quella favarese.

Purtroppo sono trascorsi mesi e, dopo una delibera di Giunta, la pratica non è ancora approdata al Consiglio a cui è demandato il compito di dare il via libera in maniera definitiva. Fermo restando che una tale modifica dovrà essere recepita anche dal Comune di Agrigento.

In base agli accordi raggiunti, tutti e tre i Comuni interessati alla rettifica dei confini cederanno porzioni di territori acquistandone altri. Favara, che ha il maggiore interesse a tutelare i suoi cittadini, da anni abitanti su suolo straniero, consegnerà al Comune di Agrigento parte della zona Asi in contrada San Benedetto ricevendo in compensazione le contrade Saraceno, Grazia, Fegotto già densamente popolate. Ad Aragona verrà ceduto il quartiere Quattro Strade che sorge in prossimità della stazione ferroviaria Caldare.

L’iter si concluderà con il referendum cui saranno chiamati ad esprimersi i cittadini con abitazioni o attività nelle porzioni di terreno da scambiare. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento