Servizio idrico, il comitato invia diffida: "Non pagheremo più le bollette"

Stefano Cardella: "Prima di pretendere il pagamento a misura vadano ad aggiustare le reti per garantire l'erogazione continua, ci diano acqua di buona qualità per poterla bere ed evitare di acquistare acqua in bottiglie di plastica"

"Prima di pretendere il pagamento a misura vadano ad aggiustare le reti per garantire l'erogazione continua, ci diano acqua di buona qualità per poterla bere ed evitare di acquistare acqua in bottiglie plastica, che è usanza d'obbligo a Raffadali, e stabiliscano una tariffa sociale sostenibile evitando bollette di 1.000 euro per nuclei familiari di 4 persone". Lo scrive Stefano Cardella, il promotore del comitato civico per l'acqua e altri diritti di Raffadali dove torna a farsi forte la protesta.

Gestione servizio idrico, la Prefettura: "Vizi tecnici di legittimità nell'ordinanza"

"Sono il promotore di una raccolta firme di cittadini di Raffadali, inoltrata all'Ati e al prefetto. Con la raccolta firme chiedevamo - spiega - il blocco della tariffa a contatore . Ben 200 firme raccolte, una per nucleo familiare. Ancora attendiamo risposta. Nell'attesa per la costituzione del nuovo gestore pubblico, ho inviato una diffida - sottoscritta da ben 190 utenti intestatari di contatore - spiegando che non avremmo più pagato la bolletta da loro inviateci, ma pagato quanto gli altri utenti forfettari. Per quest'ultima - inoltrata circa due settimane fa al prefetto, all'Ati e alla Girgenti Acque - come al solito attendiamo risposta. I cittadini protestano contro il fatto che, per anni, pur avendo pagato una bolletta idrica troppo esosa non hanno mai avuto nessun diritto o servizio aggiuntivo rispetto agli utenti forfettari. Ci hanno servito con turni di 10/13 giorni - prosegue Cardella - e con una qualità dell'acqua non buona da bere". 

Gestione servizio idrico, Cuffaro contro tutti: "Dal primo ottobre gestiremo da soli"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento