Tredici ore d'attesa per una radiografia, caos e disagi al pronto soccorso

L'imprenditore Giovanni Parisi: "Senza nessuna visita, dopo gli esami rx, mi hanno dimesso. E lo hanno fatto senza nessun 'conforto umanitario' né dei medici, né del personale presente"

L'ingresso del pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio"

Tredici ore al pronto soccorso, dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento, per una radiografia. A denunciare pubblicamente - attraverso Facebook - quanto ha vissuto è stato il noto imprenditore agrigentino Giovanni Parisi. "Dopo un banale incidente con la moto sono arrivato in ospedale, con l'ambulanza, e mi hanno posteggiato su una lettiga in corridoio, con altri 100 pazienti, in attesa di una visita - ha raccontato sul social network Parisi - . Senza nessuna visita, dopo le radiografie, mi hanno dimesso. E lo hanno fatto senza nessun 'conforto umanitario' né dei medici, né del personale presente - ha spiegato - . Tredici ore senza acqua, né cibo - ha tenuto a sottolineare, arrabbiato - . Vergogna, ormai siamo davvero un popolo destinato a far parte del terzo mondo".

Dodici ore di attesa per due punti di sutura

"Ho provato grande pena per la gente presente priva di assistenza, in attesa di una visita. Due medici e due infermieri - ha spiegato l'imprenditore agrigentino, che ha riportato un brutto trauma ad un ginocchio e al collo, - non possono gestire il pronto soccorso di un ospedale che ha un bacino di circa 200 mila persone. Chiedo al managment inadeguato, con stipendi da favola, se i loro congiunti hanno lo stesso trattamento".

La denuncia: "Caos e disagi in ospedale"

Quanto è accaduto all'imprenditore Giovanni Parisi non è purtroppo il primo caso, né probabilmente sarà l'ultimo. Le proteste di cittadini, bisognosi di assistenza, si ripetono - proprio per le interminabili attese - ciclicamente. Poco personale - troppo poco - in servizio per fronteggiare il numero di persone che si riversa sulla struttura sanitaria di contrada Consolida.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Tipe da spiaggia: cosa mi metto?

I più letti della settimana

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

  • Uccise il giudice Livatino, Pace torna a Palma con un permesso speciale

  • "Vieni a fare le pulizie a casa mia": 29enne minacciata di morte e stuprata, arrestato

  • "Nascondevano una pistola con matricola abrasa e cartucce", arrestati zio e nipote

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento