"Favoreggiamento immigrazione clandestina", revoca dei domiciliari

Per Pietro Bono, 64 anni, di Menfi è stato disposto l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

I pubblici ministeri Geri Ferrara e Claudia Ferrari, due settimane fa, hanno chiesto la condanna di Pietro Bono, di 64 anni, di Menfi, a 6 anni di reclusione, con la riduzione per il rito abbreviato, per l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nell’ambito dell’inchiesta denominata "Scorpion Fish". Adesso, in attesa della conclusione del processo a suo carico, il Gup del tribunale di Palermo, Annalisa Tesoriere, ha disposto nei suoi confronti la revoca dei domiciliari e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

È stata accolta la richiesta avanzata dal difensore di Bono, l’avvocato Accursio Gagliano. Bono è attualmente sotto processo assieme ad altre 11 persone, trapanesi e tunisini. Bono deve presentarsi tre volte alla settimana alla stazione dei carabinieri di Menfi. Nel processo ha già discusso anche il difensore di Bono, sostenendo che lui è estraneo ai fatti che gli vengono addebitati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

  • Incidente sul lavoro: si ribalta il trattore e muore un 53enne

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento