Maltrattamenti, sequestro e lesioni ai danni di una donna: tre condanne

Il principale imputato è un 47enne di Menfi, C.M., a lui sono stati inflitti sei anni e sei mesi di reclusione

Sequestro di persona, maltrattamenti e  lesioni nei confronti di una donna, i giudici del tribunale di Sciacca hanno inflitto pene severe alle persone coinvolte. Secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, il principale imputato è un 47enne di Menfi, C.M., a lui sono stati inflitti sei anni e sei mesi di reclusione.

L’uomo, è accusato di maltrattamenti, sequestro di persona e lesioni nei confronti dell’ex compagna. I fatti risalgono al 2015. I giudici del tribunale di Sciacca, hanno condannato anche la sorella dell’uomo, C.B., 53 anni, a 3 anni e tre mesi di reclusioni.

Nei guai finisce anche uno dei fratelli, C.S., condannato a un anno e nove mesi di reclusioni. Lui, era accusato di lesioni nei confronti della donna in concorso col fratello.

Il pubblico ministero, Carlo Boranga, aveva chiesto la condanna di C.M. e C.S. soltanto per quest'ultimo capo d'imputazione, escludendo le altre ipotesi di reato. Per la sorella aveva chiesto l'assoluzione da ogni accusa. Per i difensori degli imputati, gli avvocati Alberto Di Carlo, Salvatore Di Chiara e Andrea Pellegrino, la donna invece era da considerare inattendibile. Entro i  90 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza del  processo di primo grado che avrà un seguito anche in appello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento