Urla, spintoni e schiaffi: è baruffa in una coppia, la polizia riporta la calma

Entrambi, seppur rimasti graffiati sul volto e nelle braccia, hanno rifiutato di recarsi al pronto soccorso del "San Giovanni di Dio"

(foto ARCHIVIO)

Urla, spintoni, ma anche schiaffi. Baruffa, decisamente violenta, fra moglie e marito, all’interno di un’abitazione del centro storico della città dei Templi. Qualcuno, forse temendo il peggio, ha allertato la polizia di Stato e gli agenti della sezione Volanti della Questura – nella serata di martedì – si sono immediatamente precipitati sul posto. Alla vista delle divise, la coppia di extracomunitari ha smesso di litigare, anche se gli animi sarebbero rimasti decisamente concitati.

Gli agenti, indossando le vesti di psicologi o assistenti sociali, hanno provato a farsi spiegare quale effettivamente fosse l’oggetto del contendere. Non è stato semplice stabilirlo. A quanto pare, dopo giorni di tensione nella coppia, sarebbe bastato un piccolo alterco – dovuto a futili motivi – per far innescare il violento litigio. Entrambi, stando a quanto è stato accertato dai poliziotti, sono rimasti leggermente feriti – escoriazioni per la maggior parte – al volto e alle braccia. Nessuno dei due ha voluto far ricorso al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”. Sono stati entrambi invitati, qualora lo ritenessero opportuno, a formalizzare denuncia di parte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Dopo la scarcerazione ha mantenuto condotta di vita nella legalità", tolta la libertà vigilata a Ribisi

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento