"Spaccio di cocaina ed estorsione", il Pm chiede 7 anni di reclusione per un giovane

La difesa del trentenne ha invece chiesto l'assoluzione. La sentenza del tribunale di Agrigento è prevista per il 24 giugno

(foto ARCHIVIO)

Il pubblico ministero Sara Varazi ha chiesto la condanna a 7 anni di reclusione per Calogero Scrimali, 30 anni, di Licata. L'imputato, rappresentato e difeso dall'avvocato Daniele Re, è accusato, in concorso, di detenzione di sostanze stupefacenti - cocaina, nello specifico, - ai fini di spaccio. Ma è accusato anche di estorsione: avrebbe minacciato "di distruggere un ristorante e di fare del male ad una persona se non gli avesse consegnato la somma di due mila euro". I fatti di cui è accusato il licatese - stando all'inchiesta della Procura della Repubblica - si sarebbero verificati fra Licata e Catania tra giugno e settembre del 2011.  

La difesa del trentenne di Licata, l'avvocato Daniele Re, ha invece chiesto l'assoluzione. La sentenza del tribunale di Agrigento è prevista per il 24 giugno. 

La posizione di un altro indagato: un quarantenne era stata invece stralciata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento