Scazzottata al porto fra quattro donne e un uomo: tre arresti e cinque feriti

I poliziotti sono riusciti, con fatica, a placare gli animi: durante la scazzottata sono stati usati oggetti contundenti. Coinvolte due minorenni che evitano, per la giovane età, di finire ai domiciliari

Tre persone - un uomo di 58 anni e due donne di 48 e 33, tutti pregiudicati - sono stati arrestati ieri pomeriggio per rissa e due ragazze minorenni sono state denunciate per lo stesso reato dai poliziotti del commissariato di Licata. Gli agenti sono intervenuti dopo la segnalazione di una zuffa nella zona del porto che aveva attirato l'attenzione di molti curiosi.

I cinque protagonisti della scazzottata, secondo quanto viene ricostruito dalla Questura, hanno continuato a minacciarsi brandendo oggetti contundenti. Dopo che i poliziotti sono riusciti a bloccarli è stato chiesto l'intervento dei sanitari del 118 che hanno medicato tutti i feriti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito dopo i tre arrestati, su disposizione del pm di turno, sono stati posti agli arresti domiciliari e per le due minorenni è scattata la denuncia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento