Irreperibile da quasi 5 anni, licatese scovato e arrestato dalla Finanza

Il quarantenne deve scontare due anni e due mesi, è stato trasferito alla casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo”

(foto ARCHIVIO)

Era irreperibile da quasi cinque anni. E’ stato scovato, dai militari della Guardia di finanza, non appena – verosimilmente – ha messo piede a Licata. Identificato e appurato che su quel nominativo c’era un ordine di carcerazione, perché il licatese doveva scontare due anni e due mesi, è stato arrestato e trasferito alla casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” di contrada Petrusa ad Agrigento. Il quarantunenne licatese, Salvatore Sirone, ha nominato quale suo difensore di fiducia l’avvocato Gaspare Lombardo che, nei prossimi giorni, verosimilmente proverà a chiedere una misura alternativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ accaduto tutto sabato sera, ma la notizia è trapelata ieri. Il licatese pare che fosse scomparso dalla circolazione nel 2015. Era stato indagato per reati legati al mondo degli stupefacenti e per furto, ma ad un certo punto dell’uomo si sono perse le tracce. Secondo le verifiche delle forze dell’ordine, il licatese – durante tutti questi anni – non sarebbe stato più presente a Licata. Almeno fino allo scorso sabato quando appunto i militari della Guardia di finanza lo hanno fermato e controllato. L’inserimento del nominativo nella banca dati delle forze dell’ordine ha consentito d’appurare che il quarantunenne era destinatario di un ordine di carcerazione perché doveva scontare due anni e due mesi. E’ stato, naturalmente, arrestato e dopo le formalità di rito – durante le quali ha nominato quale suo legale di fiducia l’avvocato Gaspare Lombardo – è stato trasferito nella casa circondariale di Agrigento dove dovrà restare a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento