Picchiato in pieno centro, 28enne in ospedale: si cercano i due aggressori

L'alterco sarebbe scoppiato per futili i motivi: verosimilmente qualche parola di troppo o uno sfottò. I carabinieri stanno indagando

(foto ARCHIVIO)

Aggredito e picchiato in pieno centro. Ha 28 anni il licatese che, nella serata di venerdì, è finito al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso”. I carabinieri della compagnia di Licata, poco dopo, hanno avviato le indagini per identificare i due responsabili dell’aggressione. Oltre all’acquisizione di eventuali testimonianze, non è escluso – ma non ci sono conferme istituzionali al riguardo – che i militari dell’Arma possano già aver avviato l’iter per acquisire eventuali filmati di video sorveglianza, tanto pubblici quanto privati.

In pieno centro, a Licata, nella serata di venerdì appunto, sarebbe scoppiato un alterco fra giovani. Futili i motivi: verosimilmente qualche parola di troppo o uno sfottò. All’improvviso però – stando a quanto è emerso ieri – due persone si sarebbero scagliate contro il ventottenne che è stato aggredito e picchiato. Il giovane, rimasto ferito, è stato trasportato all’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” dove i medici, immediatamente, lo hanno sottoposto a tutti i necessari accertamenti sanitari. Per traumi ed escoriazioni, i medici hanno refertato 15 giorni di prognosi. Entro questo tempo, grosso modo, il ventottenne guarirà.

Dal pronto soccorso, naturalmente, è partita la segnalazione alle forze dell’ordine. C’era stata del resto un’aggressione e un giovane era rimasto ferito. I carabinieri della compagnia di Licata si sono dunque precipitati in ospedale e, dopo aver acquisito le prime informazioni, hanno avviato le indagini per identificare i due – verosimilmente giovani – che hanno aggredito il ventottenne. Fitto – ed è inevitabile che sia così - il riserbo investigativo dei militari dell’Arma che, ieri, non lasciavano trapelare nessuna indiscrezione sull’attività investigativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appare probabile, come sempre avviene in casi di questo genere, che oltre alle dichiarazioni del ferito, i carabinieri abbiano cercato eventuali testimonianze e poi abbiano verificato se, nella location dove è avvenuta l’aggressione, fossero o meno presenti impianti di video sorveglianza. Servirà, inevitabilmente, del tempo per mettere dei punti fermi e provare, appunto, a dare un nome e cognome ai due aggressori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento