Modifica legge sulla droga, pena riformata per due favaresi

In primo grado erano stati condannati a quattro anni di reclusione. La pena era stata confermata in appello e poi annullata con rinvio dalla Cassazione in seguito alle nuove modifiche legislative, che distinguono le pene delle sostanze stupefacenti pesanti da quelle leggere

Un cane antidroga della Guardia di finanza in azione

La seconda sezione Corte d'Appello di Palermo ha riformato la sentenza di condanna nei confronti dei favaresi Gianluca Stagno, 24 anni, e Massimo Tomasi, 38 anni, arrestati ad Agrigento dalla Guardia di finanza nell'agosto del 2011 perché sorpresi in piazzale Rosselli con un chilo di hashish. 

Per i due la pena è stata rideterminata in un anno e quattro mesi e Gianluca Stagno (che era detenuto) è stato scarcerato. In primo grado erano stati condannati a quattro anni di reclusione. La pena era stata confermata in appello e poi annullata con rinvio dalla Cassazione in seguito alle nuove modifiche legislative, che distinguono le pene delle sostanze stupefacenti pesanti da quelle leggere. 

I due favaresi, difesi dagli avvocati Daniele Re e Davide Casà, erano stati fermati nel tardo pomeriggio del 23 agosto del 2011 dalla Guardia di finanza di Agrigento dopo essere scesi dal pullman proveniente da Palermo con un chilo circa di hashish. I due erano stati subito puntati dai cani delle fiamme gialle, impegnati nel servizio antidroga in piazzale Rosselli, ad Agrigento. Appena capito che di lì a poco i finanzieri avrebbero saputo cosa veramente trasportavano, si erano dati alla precipitosa fuga tra le stradine di via Ragazzi del ’99 e nel boschetto sottostante. Dopo qualche minuto sono stati però fermati ed arrestati con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Non si ferma all'Alt e fugge lungo la 115, bloccato 17enne: multe per 10 mila euro

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento