Scoperto un sodalizio criminale che si occupava dell'illecito rilascio di diplomi

Oltre al blocco di ingenti somme di denaro, la Procura ha disposto anche il sequestro preventivo d’urgenza di 22 diplomi di scuola media superiore irregolarmente conseguiti nell’anno scolastico 2014/2015

L'hanno chiamata operazione “Diplomat”. Un'inchiesta che ha permesso di individuare - su tutto il territorio regionale - la presenza di un sodalizio criminale dedito alla commissione di reati contro la pubblica amministrazione e la fede pubblica, con particolare riferimento all’indebito rilascio di diplomi di maturità. E il tutto sarebbe avvenuto grazie alla dimostrata ed incondizionata connivenza di pubblici ufficiali: preside e insegnanti ed incaricati di pubblico servizio: personale di segreteria appartenenti a quattro distinti istituti paritari.

Ad occuparsi dell'inchiesta è stato il nucleo di polizia Economico-Finanziaria della Guardia di finanza di  Ragusa, inchiesta inizialmente incardinata alla Procura della Repubblica di Ragusa e successivamente trasferita, per competenza territoriale, ad Agrigento. 

In particolare, gli investigatori hanno controllato le attività di un centro d’istruzione, non riconosciuto dalle autorità scolastiche, che aveva base logistica a Ispica, nel Ragusano, e saldi rapporti - ha ricostruito il procuratore capo Luigi Patronaggio - con scuole paritarie della provincia di Agrigento - Licata e Canicattì - e Catania

Nel corso del servizio sono stati sottoposti a sequestro probatorio ingenti somme di denaro. La Procura della Procura della Repubblica di Agrigento ha ritenuto sussistere gravi indizi di colpevolezza e ha disposto il sequestro preventivo d’urgenza di 22 diplomi di scuola media superiore irregolarmente conseguiti nell’anno scolastico 2014/2015 da altrettanti soggetti.

I dettagli dell'operazione "Diplomat" saranno resi noti domattina, alle 10, in Procura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento