La lite finisce in tragedia: ucciso un 73enne, in caserma il 79enne sospettato

Baldassare Contrino, seppur colpito da numerosi colpi di pistola, è riuscito a mettersi a bordo del trattore ed ha cercato di allontanarsi. Si è però accasciato poco dopo sul volante del mezzo

I rilievi effettuati dai carabinieri sul luogo del delitto

Un settantreenne - Baldassare Contrino, di Favara, - è stato ucciso con diversi colpi di pistola. E' accaduto in via Felice da Sambuca, che si trova in contrada Caltafaraci alle spalle del collegio di Maria, a Favara. Non è ancora chiaro, non con precisione, cosa sia accaduto. Fra i due pensionati vi sarebbe stata - e pare che non fosse la prima volta - una lite. 

Non è chiaro - non risulta esserlo ai carabinieri della tenenza di Favara, a quelli del Norm e a quelli del nucleo investigativo della compagnia di Agrigento, che si stanno occupando dell'attività investigativa, - se i due anziani si siano incontrati casualmente o se, invece, si fossero dati appuntamento. 

Vi è stata una colluttazione durante la quale il settantatreenne avrebbe tentato di scagliarsi contro l'altro favarese con un'ascia. Il settantanovenne, V. G., - al momento sospettato del delitto - avrebbe tirato fuori, per difendersi, un vecchio revolver, calibro 38, e avrebbe fatto fuoco contro Contrino. 

Il settantreenne, Baldassare Contrino, seppur colpito da numerosi colpi di pistola, è riuscito a mettersi a bordo del trattore ed ha cercato di allontanarsi. Si è però accasciato poco dopo sul volante dello stesso trattore.

In contrada Caltafaraci, non appena è scattato l'allarme, si sono precipitate le ambulanze del 118 e i carabinieri della tenenza cittadina. I militari dell'Arma hanno sentito un uomo che, pare, abbia assistito alla violenta discussione finita in tragedia. La pistola utilizzata per freddare Baldassare Contrino è stata ritrovata a pochi passi dalla salma del pensionato. I carabinieri l'hanno subito recuperata e sequestrata. 

IL VIDEO. "Pioggia" di proiettili su un 73enne, in caserma un sospettato: ha 79 anni 

Colui che avrebbe esploso i colpi di pistola si sarebbe allontanato ed è stato cercato per un po' dai carabinieri. Militari dell'Arma che sono ben presto riusciti a rintracciare il settantanovenne V. G.. Prima è stato portato alla tenenza di Favara e poi alla caserma "Biagio Pistone" che è la sede del comando provinciale di Agrigento.  

Alla tenenza di Favara è giunto anche il piccolo trattore, posto chiaramente sotto sequestro, sul quale è stato ritrovato accasciato il settantreenne ucciso.

La posizione del 79enne è al vaglio. E' fortemente sospettato di essere l'autore dell'omicidio, ma l'anziano - che non è ferito - non ha aperto bocca e si attende che venga interrogato, alla presenza di un avvocato di fiducia, dal pubblico ministero, titolare del fascicolo d'inchiesta, Chiara Bisso. Sono in corso, inoltre, ad opera dei carabinieri della tenenza di Favara, di quelli del Norm e di quelli del nucleo investigativo della compagnia di Agrigento, alcune audizioni di familiari, amici e conoscenti per cercare di ricostruire il tipo di rapporti che intercorrevano fra vittima e sospettato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento