Estate raffadalese al villaggio della gioventù, commercianti contrari

I commercianti di piazza Progresso e via Nazionale non ci stanno e sono sul piede di guerra, perché temono una ricaduta negativa sui loro introiti stagionali

È polemica, a Raffadali, dopo l'annuncio dell'amministrazione comunale di voler far svolgere la maggior parte degli eventi legati all'Estate raffadalese 2012, al Villaggio della Gioventù. I commercianti di piazza Progresso e via Nazionale non ci stanno e sono sul piede di guerra, perché temono una ricaduta negativa sui loro introiti stagionali.

In particolare, a rivolgere una critica diretta all'amministrazione, è la Confartigianato locale, per bocca del suo commissario, Fabio Sciabica. "In un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo - si legge nella nota - in cui tutti gli operatori economici sono seriamente in difficoltà, l'amministrazione decide di organizzare 40 serate di intrattenimento, concentrandole tutte all'interno del Villaggio della Gioventù. La scelta di non organizzare eventi in piazza Progresso, punto cardine, fino ad oggi, delle serate estive raffadalesi, che vede affluire anche gente dai paesi limitrofi, danneggia tutti i cittadini che hanno investito in questa parte del paese, contribuendo negli ultimi 10 anni, con la nascita di nuove attività produttive e commerciali, al sostegno occupazionale del paese. Alla luce di quanto sopra rappresentato, gli stessi commercianti chiedono un incontro urgente con il sindaco e con l'assessore al ramo, per meglio programmare ed affrontare l'organizzazione dell'Estate Raffadalese 2012".

Pronta la replica del sindaco di Raffadali Giacomo Di Benedetto che si è subito dichiarato disposto a incontri per chiarire ogni aspetto della vicenda. "Ci siamo già incontrati – ha spiegato il sindaco – con i commercianti della zona per parlare di isola pedonale e di spettacoli estivi. Credo che l’aver riaperto in meno di due mesi, con risorse proprie, una struttura come il Villaggio della Gioventù, sia un merito dell’amministrazione che porterà benefici anche al nostro centro storico. Ritengo, infatti, che piazza Progresso e le zone limitrofe, versino in uno stato di degrado, dal punto di vista della vivibilità urbana. Problemi di ordine pubblico, eccesso di alcool e droghe, musica ad altissimo volume fino a notte, rifiuti e sporcizie dappertutto, sono sotto gli occhi di tutti e credo sia necessario ripristinare l’ordine e il senso della convivenza civile e rispettosa degli altri. In questo quadro, allentare la pressione su piazza Progresso e spostare un po’ di gente al Villaggio, credo che possa far bene a tutti e restituire un po’ di vivibilità agli abitanti del centro. In ogni caso – ha ribadito l’onorevole Di Benedetto – sono pronto a discuterne con tutti, sottolineando come in piazza si siano già svolti diversi spettacoli come quelli delle varie scuole, i saggi di danza e gli spettacoli in occasione della fiera e altri ne faremo durante l’estate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento