"L'assunzione della moglie barattata con un'ispezione lacunosa", parte appello per carabiniere e avvocato

In primo grado il maresciallo Antonio Arnese e l'ex presidente di Ecap e Casa Amica Ignazio Valenza sono stati condannati a 2 anni per corruzione

Da sinistra Arnese e Valenza

Il 12 dicembre davanti alla Corte di appello di Palermo: riparte in appello il processo sul “caso Ecap”. Lo scorso 30 gennaio il maresciallo dei carabinieri Antonio Arnese, all’epoca dei fatti, nel 2012, comandante del nucleo Ispettorato del lavoro, e l’avvocato Ignazio Valenza, ex segretario dell’Ordine forense e presidente di due enti, sono stati condannati a due anni di reclusione per l’accusa di corruzione.

Secondo i giudici, Valenza avrebbe barattato un controllo ispettivo “blando e lacunoso” all’istituto di formazione Ecap con l’assunzione della moglie di Arnese alle dipendenze di Casa Amica, altro ente presieduto dal professionista. I difensori, gli avvocati Daniela Posante, Antonino Gaziano e Giuliano Dominici, hanno impugnato la sentenza che, adesso, sarà ridiscussa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento