Discarica abusiva nel pieno centro storico, la prossima settimana la bonifica

Montagne di rifiuti in via Libertà, nel cuore antico del centro marinaro, si sono accumulate in questi mesi, l'assessore Sicilia rassicura:"interverremo il 4 settembre"

Una discarica a cielo aperto, nel pieno degrado del centro storico di Porto Empedocle. Siamo in via Libertà, nel cuore antico della città marinara più vecchia a poche decine di metri dal Comune e qui, dentro lo scheletro di un'abitazione abbandonata, incivili hanno trovato il giusto spazio per abbandonare diverse centinaia di chili di rifiuti di ogni tipo: dai tradizionali sacchetti ai televisori.

Una situazione esplosiva, anche data la vetustà degli immobili intorno e la difficoltà che questo comporta in termini di intervento di bonifica.

"Bisogna agire con cautela a causa del pericolo di crolli - spiega l'assessore all'Ecologia Giuseppe Sicilia -. Già due settimane fa abbiamo valutato che occorre un intervento con mezzi speciali per lavorare in sicurezza, purtroppo l'intervento programmato per giorno 17 agosto non si è potuto fare a causa dell'incendio avvenuto nelle vicinanze il 13 agosto (e che ha bruciato, anche, rifiuti ndr). Ora messa in sicurezza l'area, provveduto ad interessare una ditta dotata dei mezzi idonei abbiamo previsto l'intervento per la prossima settimana, presumibilmente martedì 4. Dopodiché l'area tutta verrà interdetta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento