La Cgil è in lutto: è morto il dirigente sindacale Lillo Di Caro

Il segretario generale Massimo Raso: "La sua presenza giornaliera e i suoi immancabili interventi mancheranno a tutti" 

Lillo Di Caro

La Cgil è in lutto, ha perso uno dei suoi figli e dirigenti sindacali migliori: Lillo Di Caro.

"A Bologna, dove venne assunto dalle poste, presto divenne rappresentante sindacale di base. Ottenuto, dopo tre anni il trasferimento in Agrigento, è stato subito impegnato e dopo pochi anni è stato voluto ed eletto segretario generale dei postelegrafonici e dei telefonici. Era anche componente dell'esecutivo regionale della Filpt Cgil e del direttivo nazionale - ha ricostruito il segretario generale Massimo Raso - . È stato nel Consiglio di amministrazione nazionale del dopolavoro a Roma e consigliere nazionale dell'istituto previdenziale delle Poste, denominato Ipost. Alla Cgil di Agrigento è stato componente permanente del direttivo e anche dei pensionati. Dirigente intelligente, onesto, amato da tanti, rispettato da tutti. È stato un esempio di sindacalista anche per gli altri sindacati e per l'azienda. E' stato presidente provinciale del Sunia, il sindacato degli inquilini e consigliere di amministrazione dell'istituto autonomo delle case popolari. La sua presenza giornaliera alla Cgil e i suoi immancabili interventi - ha concluso Raso - mancheranno a tutti". 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento