Il bilancio di "Estate sicura": 17 arresti, 217 denunce, diffidati locali della movida

Sequestrato un ingente quantitativo di hashish e marijuana, nonché tantissima merce contraffatta venduta illegalmente a San Leone

Una veduta della Questura

E' tempo di bilanci per l’operazione “Estate sicura” realizzata dalla polizia che, dallo scorso primo giugno, è stata impegnata in servizi di vigilanza, ordine e sicurezza pubblica su tutto il territorio provinciale. La polizia, nel periodo tra il primo giugno ed il 15 settembre, ha arrestato 17 persone ed ha denuncito 217 soggetti per reati di vario genere.

Nel capoluogo e a San Leone, nonché nei Comuni di Sciacca, Porto Empedocle, Licata, Palma di Montechiaro e Canicattì gli equipaggi delle Volanti e dei commissariati hanno assicurato 2.614 turni di servizio e sono state identificate 26.146 persone e sono stati controllati 9.841 veicoli. Sono state elevate 653 contravvenzioni per violazione al codice della strada. Sono stati effettuati 6.478 controlli a persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale e sono state effettuate verifiche presso 43 esercizi pubblici. La massiccia attività di controllo dei locali notturni svolta dalla Squadra amministrativa della divisione Pasi ha determinato l’adozione di provvedimenti di diffida e sospensione della licenza di polizia a carico dei titolari di svariati locali del centro cittadino e di San Leone in quanto tenevano spettacoli di intrattenimento e serate danzanti senza le prescritte autorizzazioni di polizia o in violazione delle prescrizioni contenute nei citati provvedimenti amministrativi o ancora per disturbo della quiete pubblica mediante emissioni sonore oltre il limite orario consentito.

Significativa l’attività della Squadra Mobile sul fronte del contrasto all’immigrazione clandestina con l’arresto di scafisti e di immigrati che, benchè espulsi dal territorio nazionale, vi facevano rientro illegalmente soprattutto attraverso la frontiera marittima di Lampedusa. Incessante è stata l’azione della Digos impegnata a Lampedusa nei controlli e nelle verifiche preventive antiterrorismo. Particolarmente incisiva l’azione condotta dalla Squadra Mobile anche sul fronte della prevenzione e contrasto al fenomeno della detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Grazie anche all’ausilio delle unità cinofile della polizia e della Guardia di finanza, i poliziotti della Squadra Mobile e dei commissariati hanno denunciato all’autorità giudiziaria numerosi soggetti e rinvenuto e sequestrato un ingente quantitativo di stupefacente del tipo hashish e marijuana. Particolare  attenzione è stata rivolta dal questore, quale autorità  provinciale di pubblica sicurezza tecnico-operativa, alla vigilanza lungo il litorale sanleonino attraverso la predisposizione, in base a precise indicazioni in merito adottate in sede di comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Dario Caputo, di un dispositivo costituito da agenti della polizia, militari dell’Arma dei carabinieri, della Guardia di finanza e uomini della polizia locale che hanno vigilato tutte le aree del litorale, garantendo serrati controlli, assicurando sicurezza e serenità a cittadini e turisti.

I servizi hanno consentito di frenare il fenomeno dell’abusivismo commerciale e della vendita di prodotti contraffatti e dei parcheggiatori abusivi, assicurando la piena fruibilità del lungomare a turisti e villeggianti. L’attività di contrasto al fenomeno della contraffazione ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di articoli di abbigliamento e suppellettili con marchio contraffatto. Con l’ausilio degli equipaggi della polizia Stradale sono stati effettuati controlli in prossimità dei locali notturni, attraverso le apparecchiature ed i dispositivi in dotazione alla specialità, per frenare il fenomeno delle stragi del sabato sera. Con il concorso delle unità navali della Guardia costiera e della Guardia di finanza, sempre impegnate nel contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina nella costa e nelle isole Pelagie, sono stati effettuati mirati controlli  e servizi di vigilanza portuale e costiera nello specchio acqueo compreso tra Sciacca e Licata, con l’impiego delle unità navali della polizia di Stato e degli acquascooter in dotazione alla “Squadra Nautica”. Particolare attenzione è stata rivolta alle stazioni ferroviarie presidiate e controllate dal personale dei posti di polizia Ferroviaria della provincia. Sono stati effettuati numerosi trasferimenti di migranti sbarcati sull’isola di Lampedusa e successivamente trasferiti in altre sedi, grazie all’impegno delle forze territoriali supportate dai contingenti di rinforzo dei reparti Mobili della polizia e delle linee mobili dei carabinieri e della Guardia di finanza. L’impegno sul territorio è stato caratterizzato anche con servizi integrati di controllo del territorio svolti dal dispositivo interforze, con l’ausilio anche degli equipaggi del reparto Prevenzione crimine della polizia e del Cio dell’Arma dei carabinieri che hanno consentito il controllo di 3.620 autovetture e 5.716 persone. Sono state elevate 49 contravvenzioni al codice della strada per infrazioni varie. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento