rotate-mobile
Sciacca Sciacca

Pesca sportiva, il Circomare ha fissato le nuove regole

Per chi trasgredisce sulla pesca in porto, multe a partire da 200 euro

Pesca sportiva. Il comandante del Circomare, tenente di vascello Sebastiano Sgroi, ha firmato un'ordinanza che detta regole ben precise. Per chi trasgredisce sulla pesca in porto, multe a partire da 200 euro. "L’obiettivo primario è di non dare fastidio alla pesca tradizionale e al movimento dei natanti – ha spiegato, al Giornale di Sicilia, il comandante Sgroi – ma anche di mettere ordine e per questo a chi vuole effettuare la pesca in porto basta avanzare una richiesta di autorizzazione in Capitaneria e poi effettuare l’iscrizione riservata ai pescatori sportivi. Tra l’altro, l’autorizzazione consente anche l’accesso in porto con un mezzo per raggiungere l’area nella quale si può pescare". 

A Sciacca accadeva, infatti, che durante la notte salivano sui natanti attraccati e con le canne da pesca iniziavano a pescare in porto. Per dare ordine a quest’attività, svolta da pescatori sportivi, circa 500 coloro che, durante l’anno, anche da altre città, arrivano a Sciacca ecco che sono scattate dal primo aprile le nuove regole. 

La zona del porto autorizzata è quella del molo che si affaccia a ponente e la banchina San Pietro. Le regole dettate per la pesca in porto si aggiungono a un piano che comprende la pulizia dell’area portuale, il potenziamento dei servizi ed i controlli alla filiera della pesca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca sportiva, il Circomare ha fissato le nuove regole

AgrigentoNotizie è in caricamento