menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Soccorritori al lavoro in occasione del nubifragio

Soccorritori al lavoro in occasione del nubifragio

Nubifragio del 25 novembre, l'ex Provincia: "Danni alle strade per 3 milioni"

Roberto Barberi, commissario straordinario del Libero consorzio dei Comuni, ha chiesto la dichiarazione dello stato di emergenza

Ammontano ad oltre tre milioni di euro i danni che il nubifragio dello scorso 25 novembre ha provocato alle strade di Caltabellotta, Sciacca, Ribera, Lucca Sicula, Burgio, Cianciana, Cattolica Eraclea e Villafranca Sicula.

A sostenerlo è Roberto Barberi, commissario straordinario del Libero consorzio dei Comuni di Agrigento, che ha chiesto la dichiarazione dello stato di emergenza. “La richiesta è stata fatta – scrive l’ex Provincia - con un apposito atto, su proposta del settore infrastrutture stradali. I danni hanno aggravato il dissesto idrogeologico dei territori di molti Comuni della provincia, causando movimenti franosi che hanno interessato le strade provinciali e consortili di competenza del Libero consorzio comunale. Anche alcune scuole superiori della provincia, in particolare nei comuni di Sciacca e Ribera, hanno subito danni per circa 50.000 euro”.

Ecco il dettaglio dei danni subiti dai centri colpiti dal maltempo: “Le somme – scrive l’ex Provincia - per ripristinare la corretta viabilità sulla provinciale 37 "Sciacca – Caltabellotta - San Carlo" 1.900.000 euro; strada provinciale 47 "S. Anna - Villafranca Sicula" 50.000 euro; strada provinciale 88 "dalla provinciale 36 alla 47 S. Anna - Villafranca Sicula, 25.000 euro; strada provinciale 35 A e 35 B "Portella di Burgio - Lucca Sicula – bivio statale 386", 24.000 euro; strada provinciale 32 "Ribera - Cianciana", 300.000 euro; strada provinciale 76 "Sciacca - Salinella bivio S. Anna" e strada provinciale 10 "Ex regionale Sciacca -Salinella", 400.000 euro; strada provinciale 31 "Cattolica Eraclea - Cianciana", 100.000 euro; strada provinciale 86, "Ribera - Magone statale 115, 80.000 euro; strada provinciale 34 "Bivio Tamburello - Bivona" 34.000 euro; strada provinciale 36 "statale 115 Bivio Verdura -Caltabellotta", 13.490 euro; strada provinciale 61 "Montallegro - Ribera",  17 "Castellana - Camemi", strada provinciale 18 "Ponte Magazzolo – provinciale 32”, 300.000 euro, per un totale – conclude l’ex Provincia - di . 3.276.490 euro”.

“Le esigue risorse finanziarie del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, purtroppo, non consentono – scrive Barberi - di fronteggiare l'attuale stato di emergenza, potendo solo assicurare alcuni interventi minimali mirati all'apertura delle strade per consentire, ove possibile, il passaggio delle autovetture”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento