rotate-mobile
Sciacca Sciacca

Non ci sono fondi statali, in "bilico" 80 lavoratori socialmente utili

Gli Lsu contrattualizzati sono in servizio da oltre un ventennio ed hanno firmato, due anni fa, il loro primo contratto di lavoro a tempo determinato

"Una prosecuzione dei contratti, per la stessa durata di quelli in corso, alla scadenza non è possibile perché non ci sono i fondi statali. Stiamo cercando una soluzione per avviare una stabilizzazione, anche a un minor numero di ore rispetto a quelle che svolgono attualmente, per una parte dei lavoratori, ed a far tornare Lsu gli altri con fondi comunali". È questa la prospettiva che si profila per un’ottantina di lavoratori socialmente utili del Comune di Sciacca per i quali, a marzo del 20018, inizieranno a scadere i contratti che hanno stipulato con l’ente. È quanto riferisce l’assessore comunale al Personale, Gioacchino Settecasi, dopo avere verificato, al ministero del Lavoro, le scarse prospettive per questo personale impiegato in vari servizi, dalle manutenzioni alla cura del verde, dalla custodia di beni comunali alla segnaletica. Un gruppo nutrito è anche negli uffici.

"Non è facile trovare una soluzione – aggiunge Settecasi – anche se una stabilizzazione, graduale, potrà essere avviata grazie alle risorse che il Comune, negli ultimi anni, risparmiando circa 800 mila euro all’anno, non ha speso e dunque alle economie realizzate. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha trasferito, complessivamente, circa 3 milioni di euro al Comune per contrattualizzare 84 lavoratori. Adesso alcuni sono andati in pensione, altri completeranno l’attività nei prossimi mesi, ma alla scadenza del contratto ne rimarranno circa 75". Gli Lsu contrattualizzati sono in servizio da oltre un ventennio ed hanno firmato, due anni fa, il loro primo contratto di lavoro a tempo determinato. La firma dei contratti ha fatto seguito ai piani di stabilizzazione approvati dalla giunta municipale dopo il finanziamento concesso dal Ministero del Lavoro e i successivi atti sottoscritti. Gli Lsu hanno firmato un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato parziale a 21 ore, chi per 23, chi per 25, chi per 26 mesi. Il Comune si è avvalso dei piani di stabilizzazione sottoscritti con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, relativi alle annualità 2008, 2009, 2010. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non ci sono fondi statali, in "bilico" 80 lavoratori socialmente utili

AgrigentoNotizie è in caricamento