rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Sciacca Sciacca

"Non ho appiccato fuoco al bosco", presunto piromane chiede revoca domiciliari

L'udienza è stata fissata per l'11 settembre al tribunale del riesame di Palermo

È fissata per l’11 settembre, al Tribunale del Riesame di Palermo, l’udienza per decidere sulla richiesta di annullamento degli arresti domiciliari per Paolo La Bella, di 32 anni, operaio saccense, accusato di essere l’autore dell’incendio che, il 14 luglio scorso, ha distrutto sei ettari di bosco, nella zona compresa tra Pierderici e San Michele di Sciacca.

«Ero lì per dare da mangiare al mio cane, non ho appiccato il fuoco», si è difeso La Bella durante l’interrogatorio di garanzia, e il giudice, Alberto Davico, ha confermato la misura cautelare che aveva già disposto nei suoi confronti su richiesta del sostituto procuratore Christian Del Turco. L’incendio, oltre a mandare in fumo sei ettari di bosco, ha determinato anche lo sgombero di una scuola, dove si stava svolgendo il Grest, e di tre palazzi.

La Bella sostiene persino di avere telefonato ai carabinieri per avvisarli dell'incendio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non ho appiccato fuoco al bosco", presunto piromane chiede revoca domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento