rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Sciacca Sciacca

"Iva e contributi non versati", sequestro da mezzo milione alla Laterizi Fauci

Ad indagare, su segnalazione dell'Agenzia delle Entrate di Palermo, è stata la guardia di finanza. Il provvedimento riguarda obbligazioni bancarie ed una villa in contrada Isabella

A Sciacca la guardia di finanza ha sequestrato beni per oltre mezzo milione di euro agli amministrazioni delle società che fanno capo al gruppo imprenditoriale Laterizi Fauci.

Il sequestro preventivo è stato eseguito, secondo quanto annunciato dalle fiamme gialle, per “un’omissione dei previsti versamenti Iva e per mancati versamenti di contributi Inps per oltre 2.450.000 euro”. “Il provvedimento è stato adottato – scrive la guardia di finanza – a seguito di mirate indagini coordinate dal sostituto procuratore della repubblica di Sciacca Carlo Boranga ed originate da una segnalazione della direzione provinciale dell’agenzia delle entrate di Palermo”.

“Nella specifico i finanzieri, scandagliando la situazione contabile e tributaria della Laterizi Fauci s.r.l., Laterizi Akragas s.r.l. ed L.F. Latersiciliana s.r.l. – si legge ancora nel comunicato stampa - hanno rilevato un’omissione dei previsti versamenti iva e mancati versamenti di contributi Inps per oltre 2.450.000 euro. Tali violazioni, relative agli anni d’imposta 2012 e 2013, sono state ascritte in capo agli amministratori delle società coinvolte e, nella fattispecie, a Francesco Fauci, Rosaria Di Grado ed Alfonso Pumilia”.

“Le indagini si sono concluse, dunque, con l’esecuzione di tre decreti di sequestro preventivo finalizzato – aggiungono le fiamme gialle - alla confisca per equivalente di denaro ed obbligazioni bancarie per 70.982,65 euro e di una lussuosa villa sita in Sciacca, in contrada Isabella, di proprietà di Rosaria Di Grado, con valore stimato di oltre 430.000 euro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Iva e contributi non versati", sequestro da mezzo milione alla Laterizi Fauci

AgrigentoNotizie è in caricamento