menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Randagismo a Sciacca, si avvia a soluzione il problema

Conferenza di servizio per discutere le soluzioni da adottare. Deciso il recupero di somme dal...

Conferenza di servizio oggi a Sciacca per decidere i nuovi provvedimenti da adottare per risolvere il fenomeno del randagismo, a presiedere la riunione tenuta al Palazzo Municipale è stato l’assessore alla Sanità Gianfranco Vecchio, alla riunione hanno partecipato il presidente della Commissione consiliare Sanità Giuseppe Ambrogio, il responsabile del servizio veterinario dell’Asp Luigi Raso, Franco Gulino dell’associazione animalista “Amici Animali” e Vincenzo Saladino, responsabile dell’ufficio Igiene del Comune di Sciacca.

“Nel corso dell’incontro
– dicono il sindaco Vito Bono e l’assessore Gianfranco Vecchio – si è affrontato il fenomeno randagismo nel suo complesso, valutando alcuni provvedimenti. Si è deciso, tra le altre cose, di catturare i cani che nella zona di Via Allende hanno dato dimostrazione di aggressività, tenerli sotto osservazione per considerare l’eventualità di trasferirli in canile o lasciarli in libertà, magari cambiando zona. Si è deciso pure di creare un’apposita area presso il mattatoio comunale in cui ricoverare e rimettere in libertà i cani che vengono catturati, per essere sterilizzati e microcippati. Quest’attività consentirà un notevole risparmio al Comune di Sciacca che già spende oltre 400mila euro l’anno per la custodia dei cani randagi catturati in tre canili convenzionati”.

Inoltre, aggiungono il sindaco Vito Bono e l’assessore Vecchio, "si è deciso anche di recuperare le somme in bilancio per l’acquisto di un’automezzo attrezzato per il trasporto animali, in modo tale da far espletare con continuità il servizio di accalappiacani ai dipendenti comunali. Nel corso della riunione di oggi, infine, si è discusso di agevolare l’adozione dei cani da parte di privati cittadini. A chi si farà avanti per l’adozione, saranno offerte le cure gratuite per i caniadottati presso il servizio veterinario dell’Asp”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento