rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Sciacca Sciacca

Ponte Cansalamone, M5S escluso dalla riunione dell’amministrazione coi comitati: è polemica

I portavoce del Movimento dovrebbero essere convocati in un secondo momento. Ma ribattono: “Come si pensa di andare avanti? Quale logica dietro a tutto ciò?”

L’amministrazione comunale convoca ti comitati di quartiere per discutere del ponte Cansalamone e si riserva un successivo incontro con il M5S. Ma il Movimento non ci sta e non accetta questa esclusione dalla riunione con i comitati.

“C’è un finanziamento di 2,9 milioni di euro per il Ponte Cansalamone che giace da due anni nel cassetto del Commissario di Governo Croce perché è stato bloccato dall'amministrazione che avrebbe voluto stralciarne una parte per l’apertura temporanea – si legge in una nota – . Il M5S si è messo a disposizione per dare un impulso alla vicenda, preferendo, ancora una volta, alle sterili critiche la formulazione di proposte concrete. Abbiamo infatti riunito attorno allo stesso tavolo tecnici e politici per trovare una soluzione alternativa, sicura e realizzabile in tempi celeri (metodo Think Tank). I portavoce (Teresa Bilello, Matteo Mangiacavallo e Rino Marinello), assieme al tavolo tecnico, hanno analizzato il problema e valutato le possibili soluzioni, verificandone con il commissario la fattibilità tecnica ed economica. Si è arrivati così ad una proposta realizzabile e condivisa da tecnici e portavoce del M5S, ritenuta sostenibile dalle istituzioni (commissario Croce), nonché analizzata e avallata assieme ai cittadini rappresentati dai comitati di quartiere”.
Quindi il M5S riteneva corretto una convocazione insieme ai comitati, e non successiva. “Purtroppo l’amministrazione, ancora una volta, decide di incontrare i comitati di quartiere per discutere una proposta tecnica e politica – continua la nota –, senza far sedere attorno al tavolo tutti coloro, tecnici e politici, che hanno studiato e analizzato il problema per il bene della città. Invitiamo pertanto l’amministrazione a ‘ragionare’ per il bene di tutti. Aggiungere una, due sedie in più alla riunione con i Comitati permetterebbe di ragionare tutti insieme, in modo operativo, su una proposta concreta in modo da accelerare i tempi, evitando inutili riunioni che hanno lo stesso argomento perché la città non può più attendere. Il M5S si mette ancora una volta a disposizione, ma se si escludono dal tavolo le persone che hanno studiato e avanzato quelle soluzioni, come si pensa di andare avanti? Qual è la logica dietro a tutto ciò?”.

Il M5S, anche ascoltando le richieste dei comitati, aveva inviato la scorsa settimana una Pec all’amministrazione per sollecitarla ad intervenire sul caso Cansalamone, ad agire, per chiederle di ascoltare la volontà dei Comitati e organizzare una riunione operativa insieme al M5S, promotori di una proposta alternativa e realizzabile in tempi celeri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte Cansalamone, M5S escluso dalla riunione dell’amministrazione coi comitati: è polemica

AgrigentoNotizie è in caricamento