menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianni Melluso

Gianni Melluso

Omicidio Maccarrone, il Pg: "Conferma dell'ergastolo per Melluso"

Gianni Melluso, di 61 anni, di Sciacca, è accusato di essere stato il mandante dell’assassinio della giovane Sabine

Il sostituto procuratore generale di Palermo, Domenico Gozzo, ha chiesto la conferma della condanna all’ergastolo, inflitta in primo grado, a carico di Gianni Melluso, di 61 anni, di Sciacca, accusato di essere stato il mandante dell’omicidio della giovane Sabine Maccarrone. Il processo si celebra dinanzi ai giudici della Corte di Assise d’Appello di Palermo.

Il cadavere della ragazza, coperto con tegole e massi, venne rinvenuto il 16 aprile 2007 dentro un pozzo artesiano accanto all’abitazione di campagna, in contrada San Nicola, a Mazara del Vallo, di proprietà della madre di Giuseppe D’Assaro. Ed è proprio quest’ultimo l’accusatore di Melluso.

Omicidio Maccarrone, nuove rivelazioni 

Il movente per l’accusa è da ricercare nella gelosia. La Maccarrone, infatti, avrebbe intrattenuto una relazione con un altro uomo. Melluso, in aula, aveva dichiarato: "Non sono il mandante dell’omicidio di Sabine. Giuseppe D’Assaro, che mi accusa, non è credibile. Basta considerare quello che ha dichiarato, poi ritrattando, nel caso del sequestro di Denise Pipitone". La difesa sostiene l’inattendibilità delle accuse di D’Assaro a carico di Gianni Melluso.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Solidarietà all'Arma dei carabinieri, bandiere a mezz'asta al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento