SciaccaNotizie

Stop alla plastica monouso, il Comune aderisce alla campagna di Marevivo

L'ente ha fornito il patrocinio all'iniziativa condotta dall'associazione ambientalista, nei giorni scorsi era stata firmata un'ordinanza ad hoc

Dopo l’ordinanza emessa nei giorni scorsi per “Sciacca plastic free”, il Comune aderisce alla campagna di sensibilizzazione nelle scuole lanciata da Marevivo con l’hastag #StopSingleUsePlastic. Ne dà notizia il sindaco Francesca Valenti dopo aver concesso il patrocinio del Comune di Sciacca all’iniziativa dell’associazione ambientale per sensibilizzare, soprattutto le nuove generazioni, sul problema dell’inquinamento da plastiche divenuto un’emergenza globale. "Per far fronte a danni irreversibili – dice Marevivo nell’illustrare i contenuti della campagna – abbiamo pochissimo tempo e dobbiamo agire subito". Secondo i dati dell’Unep ogni minuto nel mondo vengono acquistate un milione di bottiglie in plastica e metà della plastica totale che viene prodotta è utilizzata soltanto una volta per poi essere gettata via. Ogni anno oltre 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani. Oggi si produce 20 volte più plastica che negli anni Sessanta (di cui un terzo per gli imballaggi) e se non si metterà freno alla situazione entro il 2050 la massa di plastica negli oceani supererà in peso quella di tutti i pesci , mentre il 99% degli uccelli marini avrà ingoiato quantità più o meno elevate di plastiche. Le istituzioni scolastiche svolgono una funzione importante nella formazione ed educazione dei ragazzi e possono avere un ruolo centrale nel sensibilizzare le nuove generazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la campagna #StopSingleUsePlastic si chiede alle scuole di introdurre il divieto dell’impiego di prodotti usa e getta nelle classi, nei servizi e negli uffici della struttura. Bastano piccoli cambiamenti per liberare il pianeta dalla plastica come ad esempio: ridurre l'uso di bottiglie di plastica, incentivando tra gli studenti l'uso delle borracce; limitare la distribuzione di prodotti con imballaggi (merendine, snaks, succhi di frutta...);  preferire l'acqua del rubinetto ai distributori di bevande in bottiglia o, in alternativa, appositi erogatori d'acqua; non usare stoviglie in plastica monouso (piatti, bicchieri, posate e cannucce).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento