Sciacca

Pugno duro contro chi abbandona i rifiuti in strada e non fa la differenziata

La giunta comunale ha inasprito le sanzioni amministrative per trasgressioni a norme di ordinanze sindacali e regolamenti comunali

Il municipio di Sciacca

Ci sarà una multa di 200 euro per chi abbandona i rifiuti nel territorio comunale e 350 euro per chi non conferisce gli ingombranti nel centro di raccolta di contrada Perriera. Sono alcune delle sanzioni che sono state inasprite a Sciacca per colpire comportamenti non consentiti da diverse norme. La maggiorazione delle sanzioni amministrative, per trasgressioni a norme di ordinanze sindacali e regolamenti comunali, è stata approvata dalla giunta comunale, su proposta del dirigente della polizia municipale Francesco Calia e del vice comandante Salvatore Navarra. 

Le ordinanze e i regolamenti cui si fa riferimento sono quelle relative al conferimento dei rifiuti, alla raccolta differenziata, alla somministrazione di alimenti e bevande, al mercato settimanale di San Michele, alla pulizia dei terreni privati incolti, alla conduzione in luoghi pubblici dei cani. 

“Si è ritenuto opportuno – dice il sindaco Fabrizio Di Paola – proporzionare gli importi delle sanzioni alla gravità di taluni comportamenti e tutelare il decoro dei nostri quartieri, l’immagine della città e la sicurezza sociale”. 

Finora sono state applicate le cosiddette “sanzioni edittali” che vanno da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro, previste dal decreto legislativo 267 del 2000 (con l’applicazione per il trasgressore del doppio del minimo o un terzo del massimo). Le sanzioni  sono state adeguate alla gravità delle violazioni dando seguito all’articolo 6 bis della legge 125 del 2008 che attribuisce alla giunta comunale la facoltà di stabilire un diverso tipo di importo del pagamento in misura ridotta per le violazioni relative ai regolamenti comunali e alle ordinanze sindacali. 

Questo per “rendere più efficace l’azione deterrente rispetto ad alcune condotte illecite di particolare disvalore sociale”, “al fine di migliorare le condizioni di vivibilità degli ambienti urbani e la convivenza civile” e contrastare comportamenti che favoriscono il degrado urbano e l’insicurezza sociale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugno duro contro chi abbandona i rifiuti in strada e non fa la differenziata

AgrigentoNotizie è in caricamento