menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un angolo della mostra

Un angolo della mostra

"Sciacca vista da noi", conclusa la nona edizione

Ad aggiudicarsi il premio di quest'anno è stata Ambra Favetta con una foto che la giuria ha scelto poichè lega la ceramica saccense all'accoglienza turistica

Con il completamento delle operazioni di smontaggio, si è conclusa a Sciacca la nona edizione della mostra video-fotografica "Sciacca vista da noi", organizzata dal club fotografico Amatoriale L'AltraSciacca foto e che si è svolta nell'atrio superiore del palazzo di città dal 8 al 11 settembre.

Tanti i visitatori che l'hanno potuta apprezzare, scoprendo angoli della città attraverso la fotografia amatoriale di concittadini e di turisti.

Un'edizione dedicata all'ambiente, con la presenza nei giorni della mostra di due importanti associazioni ambientaliste siciliane: Wwf Oa area mediterranea e Marevivo Sicilia. La prima è stata protagonista della serata del 9 settembre con un incontro presso l'atrio dal titolo "Naturalmente...Sciacca" in cui si è parlato dell'esperienza della sorveglianza dei nidi di Caretta Caretta a Sciacca ed hinterland.

Sabato, invece, è stato il giorno dedicato a Marevivo Sicilia con il suo "Tarta Day". A partire dalle 10 gli operatori ambientali del progetto Open beach di Marevivo hanno intrattenuto i tanti bambini presenti nella spiaggia di Capo San Marco con nozioni di educazione ambientale, giochi e laboratori creativi. Al termine delle attività sono state liberate due tartarughe Caretta Caretta, ribattezzate con i nomi di Eleonora e Fabio, grazie alla collaborazione dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia che le ha curate.

Domenica sera si è conclusa "Sciacca vista da noi" con la consegna degli attestati e dei ricordini a tutti i partecipanti di quest'anno e la consegna del premio dell'unica sezione a concorso, quella sulla ceramica di Sciacca. Ad aggiudicarsi il premio di quest'anno è stata Ambra Favetta con una foto che la giuria ha scelto poichè lega la ceramica saccense all'accoglienza turistica con il trasferimento del laboratorio artistico per strada. La foto, infatti, raffigura il maestro Liborio Palmeri con il suo laboratorio all'aperto che ha dato l'opportunità ai turisti di potersi calare nei panni di un ceramista.

Ad Ambra Favetta è andato il premio, realizzato appositamente dal maestro Antonino Carlino, e che quest'anno riporta qualche elemento relativo all'ambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento