Sciacca

Sciacca, Comune incassa 2 milioni di euro dall'Eas

L’importo si riferisce alle spese anticipate dal 2005 al 2008, per la gestione, la manutenzione della rete idrica e degli acquedotti comunali

Il Comune di Sciacca riscuote un nuovo credito vantato dall’Eas, l’Ente acquedotti siciliani che negli anni passati ha gestito il servizio idrico cittadino. Si tratta di 2 milioni di euro. L’importo si riferisce alle spese anticipate dal comune di Sciacca dal 2005 al 2008, per la gestione, la manutenzione della rete idrica e degli acquedotti comunali. Ne danno notizia il sindaco Fabrizio Di Paola e l’assessore all’Economia e Finanze Ignazio Bivona.

“Il giudice dell’esecuzione del Tribunale Civile di Palermo – spiegano – ha assegnato al Comune di Sciacca la somma di 2 milioni di euro, a seguito di atto di precetto e di pignoramento presso terzi nel procedimento contro Eas per il recupero dei crediti vantati rispetto ai quali c’era già stata una condanna da parte del Tribunale di Sciacca nel maggio del 2015. Il procedimento riguardava il recupero complessivo di circa 3 milioni di euro. Per il recupero della restante somma, di circa 1 milione, dunque, il procedimento proseguirà nel giudizio di merito”.

“Continua, dunque, l’opera di recupero di tutti i crediti vantati nei confronti dell’Eas – aggiungono il sindaco Di Paola e l’assessore Bivona -. Un’opera che è conseguente a quanto già ottenuto nel 2014, con il recupero in più tranche di ben 4 milioni e mezzo di euro. Il recupero della nuova somma è la dimostrazione del grande lavoro profuso da questa amministrazione comunale, nell’ambito anche delle iniziative che si assumono per limitare gli effetti negativi dei tagli alle risorse ai Comuni effettuati dai governi regionale e nazionale che determinano politiche di incremento della pressione fiscale che, nel concreto, abbiamo evitato”.

Il Comune di Sciacca è stato assistito dagli avvocati Paolo Sclafani e Pellegrina Falco.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciacca, Comune incassa 2 milioni di euro dall'Eas

AgrigentoNotizie è in caricamento