SciaccaNotizie

Azienda consortile, il commissario approva lo statuto

Intanto il senatore Rino Marinello manifesta preoccupazione per il rischio immobilismo dopo lo scioglimento del Consiglio comunale

Francesca Valenti

Dopo mesi di temporeggiamento del Consiglio comunale è servito il commissario straordinario subentrato dopo lo scioglimento del civico consesso per approvare lo statuto dell'azienda speciale consortile che si dovrà sostituire alla gestione del servizio idrico integrato (quando ovviamente sarà costituita formalmente). Il commissario ha anche approvato le delibere relative a sette debiti fuori bilancio.

Soddisfatta il sindaco Francesca Valenti, che è anche presidente dell'Ati: “Si sblocca finalmente un iter fermo da mesi, con una proposta di delibera trasmessa dall’Amministrazione al Consiglio comunale tanti mesi fa, più volte discussa e mai esitata. Con l’approvazione commissariale, si procederà adesso spediti verso la costituzione di un ente per la gestione pubblica dell’acqua, attesa da anni dalla popolazione".

Intanto, dopo lo scioglimento del Consiglio comunale, è il senatore Marinello a manifestare "preoccupazione" per "l'immobilismo dell'ente", tanto da aver inviato una nota al commissario Valenti una nota con "una serie di importanti problematiche ancora in sospeso, verso le quali in questi anni mi sto adoperando al fine di contribuire a un loro positivo svolgimento".

Lungo l'elenco delle questioni da affrontare: dalla realizzazione di uno svincolo in contrada Torre Macauda lungo la statale 115,  alla riapertura delle Terme di Sciacca passando dalla realizzazione di una nuova casa circondariale.

"Queste problematiche - dice Marinello - vanno assolutamente risolte, non si può più aspettare, quindi con la medesima nota formale, ho chiesto anche la disponibilità a fissare un incontro per entrare nel merito di ciascuna proposta, ribadendo la mia totale disponibilità nell'affrontare insieme le problematiche del territorio, per il bene di Sciacca e dei suoi abitanti. Vi terrò ovviamente informati degli eventuali sviluppi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento