menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola

Il sindaco di Sciacca Fabrizio Di Paola

Beni confiscati, a Sciacca si inaugura la Casa del volontariato

Appuntamento mercoledì 23 novembre, alle ore 11, in piazzetta Bevilacqua. Annunciata la presenza del prefetto di Agrigento Nicola Diomede

Apre a Sciacca la Casa del Volontariato e dell’Associazionismo realizzata in beni confiscati alla criminalità organizzata. Sarà inaugurata domani, mercoledì 23 novembre, alle ore 11, in piazzetta Bevilacqua.  Annunciata la presenza del prefetto di Agrigento Nicola Diomede, delle autorità cittadine e del mondo del volontariato.   

“L’inaugurazione – spiegano il sindaco Fabrizio Di Paola e l’assessore alle Politiche Sociali David Emmi – avverrà nel sito dove sorge uno dei due immobili confiscati alla criminalità organizzata e assegnati al Comune di Sciacca che, grazie a un finanziamento comunitario, è riuscito a riqualificare e convertire per lo svolgimento di importanti attività sociali. Della gestione si occuperanno il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e Promozione Sociale (Co.Vo.Pro) di Sciacca e il Centro di Servizi per il Volontariato (CeSVoP) di Palermo, i cui volontari opereranno in collaborazione con i servizi sociali del Comune di Sciacca".

"Di grande significato - proseguono gli amministratori - la conversione del bene confiscato alla criminalità organizzata e di notevole impatto per il territorio i servizi che saranno attivati: un Pronto soccorso sociale in favore di soggetti in difficoltà socio-economica, uno Sportello di orientamento al volontariato, uno Sportello di ascolto per vittime di violenza, un centro di supporto per gestanti e madri con figli, laboratori 'intergenerazionali'. L’obiettivo è quello di trasformare questi beni in centro di erogazione di servizi ma anche in luoghi di incontro, dibattito, formazione, crescita, volontariato, cittadinanza attiva". 

I progetti sono stati presentati dall’amministrazione comunale, e finanziati, per un importo di circa 177 mila euro, nell’ambito della linea di intervento 6.3.2 del Programma Operativo Regionale Fesr 2007/2013. Sono stati realizzati interventi di manutenzione, adeguamento interno, messa in sicurezza. Dopo la ristrutturazione, l’arredamento e la dotazione dell’attrezzatura strumentale e informatica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento