SciaccaNotizie

Saccense marittimo bloccato in Congo, il sindaco: "Le istituzioni facciano qualcosa"

L’uomo è il comandante della “Blue Brother”, nave della flotta “Bambini Spa” e da mesi si troverebbe in Africa

Un marinaio saccense, da cinque mesi, è bloccato in Congo. L’uomo è il comandante della “Blue Brother”, nave della flotta “Bambini Spa”. A lanciare un appello, affinché questo caso si possa risolvere, è stato il sindaco di Sciacca, Francesca Valenti.

“Le Istituzioni Italiane, al loro massimo livello, facciano il possibile per risolvere positivamente il caso del marittimo saccense Giuseppe Guardino, rappresentativo di una situazione che riguarda tanti altri italiani imbarcati e bloccati in altre parti del mondo”. Il primo cittadino scrive una lettera indirizzata al ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio e all’ambasciatore italiano a Kinshasa in Congo Luca Attanasio.

Emergenza Covid-19, marittimo saccense bloccato da 6 mesi in Congo

L'uomo, che si troverebbe bloccato in Africa, ha chiesto aiuto. Il sindaco Francesca Valenti chiede “l’autorevole e deciso intervento” del Ministro e dell’Ambasciatore.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il caso – riferisce  il sindaco – riguarda Giuseppe Guardino, comandante della nave mercantile “Blu Brother”, di proprietà della “Bambini” Spa di Ravenna, sposato e padre di due figli. La nave, con a bordo un equipaggio di soli italiani, - da quanto apprendo dagli organi di informazione – ha come base il porto di Pointe Noire in Congo e svolge servizio di appoggio e assistenza per piattaforme petrolifere nell’Oceano Atlantico. A causa della pandemia di Covid-19, del conseguente lockdown e di pesanti restrizioni,  il nostro concittadino non ha ancora avuto la possibilità di rientrare a casa. Per tale ragione, ha lanciato più volte appelli alle massime Istituzioni Italiane per consentirgli, dopo tanto tempo, di  riabbracciare i propri familiari a Sciacca. Una situazione emotivamente insostenibile”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento