Martedì, 18 Maggio 2021
Raffadali Via Nazionale, 111

Raffadali, il consigliere Farruggia interviene sugli abbonamenti degli studenti pendolari

"L'amministrazione comunale ha sempre cercato e cercherà di fare il massimo per garantire il diritto allo studio di tutti i nostri studenti pendolari e si spenderà per trovare le soluzioni migliori per risolvere il problema"

Santino Farruggia

L’avvocato Santino Farruggia interviene su un argomento, quello degli abbonamenti per gli studenti pendolari, molto sentito dai cittadini e chiacchierato nelle ultime settimane.

Ho potuto constatare sia vivendo quotidianamente tra la gente, sia attraverso alcuni commenti su vari social, Facebook in particolare, che c’è molta confusione tra i genitori degli alunni delle scuole medie superiori in merito al tema del trasporto scolastico.

La vicinanza “fisica” dell’ente pubblico comune non deve essere scambiata come se fosse sempre e solo il comune a dovere erogare i servizi.

Infatti quello del trasporto per gli studenti pendolari è un servizio che è stato istituito con legge regionale n. 24 del 26 maggio 1973 e nella quale era stato previsto un contributo ai comuni che non avevano scuole medie superiori, dentro la propria area urbana, pari al 100% della spesa sostenuta ed iscritta a tal uopo in bilancio.

Successivamente con diverse novelle legislative succedutesi nel tempo si è arrivati al 2011, anno in cui la regione ha deciso di prevedere un contributo pari circa al 50% della spesa che veniva sostenuta dal comune.

Quindi nel caso del comune di Raffadali a fronte di una spesa iscritta in bilancio di circa 400.000 euro la regione finanziava solo 200.000 euro costringendo a gravare sui cittadini per coprire la parte restante.

Come se tutto ciò non bastasse già, a partire dal 2014 è intervenuta un’ altra ed ulteriore modifica attraverso la quale  la regione ha istituito un dove riversare un proprio contributo ai comuni per una serie di servizi ( trasporto scolastico, asilo nido e polizia municipale), e pertanto volendo andare a quantificare esattamente la quota che ci rimane per il trasporto scolastico siamo ad oggi addirittura scesi  al di sotto del 50% del quantum necessario ed è ancora una volta il comune che dovrebbe sopperire nonostante la Regione e lo Stato continuino senza alcuna ratio apparente a tagliare sui trasferimenti.

Tra l’altro, mi si consenta una piccola parentesi personale, fu proprio in vista dei tagli che oggi stiamo patendo e che da anni venivano paventati ed annunciati, che nel 2011 il sottoscritto che allora rivestiva l’incarico di vicesindaco della giunta di Silvio Cuffaro assieme con l’allora Assessore alla pubblica istruzione Giuseppe Sicurello ottenemmo l’autorizzazione per aprire un liceo nei locali dell’ex scuola elementare Manzoni, progetto che l’amministrazione di centro sinistra poi insediatasi nel 2012 ha  inspiegabilmente fatto cadere nel vuoto”.

Conclude il consigliere comunale Santino Farruggia: “Pur nondimeno anche considerate le grosse difficoltà esposte e che stiamo subendo a causa delle determinazioni assunte  dalla regione, l’amministrazione comunale, con alla testa il sindaco Silvio Cuffaro, ha sempre cercato e cercherà di fare il massimo per garantire tutti i nostri studenti pendolari e si spenderà, come da consuetudine, per trovare le soluzioni migliori per  risolvere il problema”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffadali, il consigliere Farruggia interviene sugli abbonamenti degli studenti pendolari

AgrigentoNotizie è in caricamento