menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Liliana Segre e Silvio Cuffaro

Liliana Segre e Silvio Cuffaro

Cittadinanza onoraria a Liliana Segre, il Consiglio deciderà sulla proposta del sindaco

Silvio Cuffaro: "Intendiamo rappresentare l’esplicito e sentito riconoscimento della comunità per l’instancabile opera di divulgazione, tra i giovani e gli adulti, degli orrori dell’olocausto e degli atti di ferocia e barbarie contro il genere umano"

Il sindaco di Raffadali Silvio Cuffaro ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre. “La decisione che avevo maturato da tempo – ha spiegato Cuffaro – è stata presa dopo aver consultato i miei più stretti collaboratori, consiglieri comunali di maggioranza e opposizione e molti miei concittadini. In tutti ho trovato terreno fertile e tutti condividono e apprezzano la mia iniziativa che sarà poi sottoposta al giudizio del consiglio comunale”.


“… Il conferimento alla senatrice Liliana Segre della cittadinanza onoraria del Comune di Raffadali, intende rappresentare l’esplicito e sentito riconoscimento della comunità raffadalese per l’instancabile opera di divulgazione tra i giovani e gli adulti, degli orrori dell’olocausto e degli atti di ferocia e barbarie contro il genere umano, perpetrati ai danni di donne e uomini di religione ebraica all’interno dei campi di sterminio nazisti dei quali la medesima senatrice è stata vittima e testimone diretta - è stato scritto nella delibera del sindaco di Raffadali - . Pertanto intendiamo conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, senatrice a vita della Repubblica Italiana, nata a Milano il 10 settembre 1930, per l’irrinunciabile e inestimabile opera meritoria di testimonianza, tra i giovani e gli adulti, attraverso un’infaticabile e dedita attività di divulgazione del racconto degli orrori dell’olocausto perpetrato nei campi di sterminio nazisti e la diffusione di un messaggio di avversione contro ogni forma di indifferenza per le manifestazioni di odio razziale e religioso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento