rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Raffadali Raffadali / Via Calvario

Raffadali, martedì 5 e mercoledì 6 gennaio le serate conclusive del Presepe vivente

I numeri sono andati ben al di là di ogni più rosea previsione, un successo davvero inatteso che ripaga, tutti quelli che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione, dei tanti sacrifici di queste ultime settimane

Si sta per calare il sipario sulla prima edizione del Presepe Vivente di via Calvario a Raffadali.

Martedì 5, vigilia dell’Epifania e mercoledì 6, giorno della befana, il presepe riprenderà vita per le ultime due serate che daranno l’opportunità, a chi non è riuscito a farlo, di visitare i cortili e le vie addobbate. 

Come nelle due precedenti occasioni, del 26 e 27 dicembre, si alterneranno momenti di spettacolo, ad altri, dedicati alle degustazioni di diversi prodotti tipici locali.

Martedì, sulla scalinata di piazza Calvario, palcoscenico naturale del sito, si darà vita al musical “L’Angelo e il diavolo”, curato dai plessi di Joppolo Giancaxio dell’istituto comprensivo Manzoni.

La parte folk è affidata al “Gruppo Trinacria” del plesso Rodari. In chiusura degli spettacoli la tradizionale “Pastorale di Nardu”.

La serata conclusiva, quella del 6 gennaio, si rifà a quelle precedenti: degustazioni, l’esibizione del gruppo folk “I Picciotti di Rafadali” e infine la Pastorale di Nardu.

Alla vigilia di queste due ultime serate e giunti quindi a metà della manifestazione, il vicesindaco Franco La Porta, assessore ai grandi eventi, che più di ogni altro ha spinto affinché si organizzassero una serie di eventi per le festività di fine/inizio anno, ha tracciato un breve bilancio, seppur parziale, della festa.

I numeri e il gradimento delle persone – ha detto il dott. La Porta – sono andati ben al di là di ogni più rosea previsione. Quasi cinquemila tagliandi sono stati distribuiti nelle prime due serate, e contiamo di arrivare al tetto di diecimila, mercoledì sera.

Un successo davvero inatteso che ripaga, tutti quelli che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione, dei tanti sacrifici di queste ultime settimane.

Non è stato facile coinvolgere così tante persone che hanno avuto la bontà di sacrificare il loro tempo e le loro risorse per la riuscita dell’evento. L’ho già fatto personalmente e lo farò ancora, ma voglio ringraziare pubblicamente di vero cuore quanti si sono spesi per questa causa.

Sappiamo benissimo – ha aggiunto il vicesindaco – che c’è ancora parecchio da migliorare e questa prima esperienza sarà messa a frutto nella prossima edizione quella del 2016, che, preannuncio sin da ora, si farà anche nel prossimo natale.

Questo evento è servito anche per mettere a punto la macchina organizzativa che sto cercando di far funzionare, da utilizzare per i prossimi eventi che già stiamo programmando come amministrazione per il 2016.

Ci riferiamo al carnevale, al Primo Maggio, all’Estate Raffadalese e tutte quelle occasioni che i raffadalesi conoscono benissimo.

Stiamo cercando di pianificare con calma e oculatezza i vari eventi, assieme alle associazioni che in occasione di questo Natale ci hanno affiancato con grandi risultati.

Invito tutti quanti – ha concluso La Porta – a visitare il Presepe di via Calvario e anche a chi c’è già stato di chiudere assieme a noi le vacanze, trascorrendo momenti di divertimento e assaggiando qualche piatto dal sapore nostrano e genuino”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffadali, martedì 5 e mercoledì 6 gennaio le serate conclusive del Presepe vivente

AgrigentoNotizie è in caricamento