menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
copertina

copertina

Raffadali: "Chi nicchi e nacchi", si presenta venerdì il nuovo libro di Raimondo Moncada

 L’evento è organizzato dalla assessorato alla cultura del comune di Raffadali, diretto dal prof. Luigi Costanza, che sta rilanciando alla grande l’attività culturale in città, con diverse e molteplici iniziative

Sarà presentato venerdì 22 aprile alle 18, nella sala auditorium della biblioteca comunale di Raffadali, il nuovo libro del giornalista e scrittore Raimondo Moncada, intitolato: “Chi nicchi e nacchi”.

 L’evento è organizzato dalla assessorato alla cultura del comune di Raffadali, diretto dal prof. Luigi Costanza, che sta rilanciando alla grande l’attività culturale in città, con diverse e molteplici iniziative.

Lo stesso assessore Costanza interverrà alla presentazione, assieme al giornalista Egidio Terrana e al poeta Enzo Argento.

A coordinare i lavori ci sarà il regista e scrittore Enzo Alessi, ed è infine previsto un intervento straordinario di Lucia Alessi.

 La Sicilia è una terra ricca di miti e leggende. Così com’è ricca la tradizione popolare con racconti, di storie reali o di fantasia, tramandati per secoli e secoli.

Per non parlare dei canti, della poesia popolare, dei giochi, delle espressioni profondamente sicule, intraducibili in altre lingue. 

Chi nicchi e nacchi raccoglie cunti, canti, liriche originali che Raimondo Moncada, nato e cresciuto in Sicilia e in siciliano, ha composto nella sua lingua madre e recitati in pubbliche rappresentazioni teatrali. 

Il libro include anche brani rivisitati tratti dal ricco patrimonio popolare e letterario della Sicilia. Tutto scritto in siciliano, nella lingua di Luigi Pirandello, Andrea Camilleri, Ignazio Buttitta, Nino Martoglio, Alessio Di Giovanni...

Il titolo è emblematico. Chi nicchi e nacchi, è una espressione che significa: Ma che dici? Che c’entra? Chi ci trasi?

È una sfida. Per qualcuno anche un controsenso in un momento di crisi editoriale: pubblicare e farsi leggere in siciliano quando già è diventato complicato nell’italica lingua nazionale. Operazione incoscientemente audace. 

Il contenuto di questa pubblicazione è per lo scrittore motivo di riscatto e di orgoglio. Dà pubblica dignità ed espressione artistica all’originaria lingua dell’anima, vissuta non come povertà, ma come fiero arricchimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento