menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Franco La Porta

Franco La Porta

Il vicesindaco La Porta dichiara guerra ai vigliacchi che avvelenano i randagi

Stiamo intensificando i controlli e grazie soprattutto alle telecamere nascoste e al lavoro delle forze dell’ordine speriamo di individuare chi continua a macchiarsi di un reato che, è bene ricordarlo, è punibile penalmente

Dura presa di posizione del vicesindaco di Raffadali, nonché assessore alla sanità, Franco La Porta che, oggi pomeriggio, facendosi interprete dell’ondata di indignazione che ha travolto tutti i cittadini raffadalesi e in particolar modo gli animalisti, ha deciso di contrastare il triste fenomeno dell’avvelenamento dei cani randagi.

“Non voglio esprimere giudizi personali sulle persone che compiono simili atti – ha dichiarato il vicesindaco Franco La Porta – perché rischierei di essere alquanto pesante. Posso solo affermare che è vergognoso che esista gente che pensa e porta a compimento simili gesti di gratuita e vigliacca crudeltà.

Stiamo intensificando i controlli e grazie soprattutto alle telecamere nascoste e al lavoro delle forze dell’ordine speriamo di individuare chi continua a macchiarsi di un reato che, è bene ricordarlo, è punibile penalmente.

C’è solo da sperare che questi individui abbiano la capacità e la voglia di elevarsi culturalmente e rendersi conto delle loro azioni.

Come amministrazione – ha aggiunto il vicesindaco La Porta – stiamo cercando in tutti i modi di diffondere la cultura dell’amore verso i cani e fra pochi giorni sarà disponibile al Villaggio della Gioventù l’area per sgambettamento per cani, disciplinata secondo precise regole, dove gli amanti degli animali potranno far valere e promuovere la cultura animalista e più estesamente del vivere civile.

Anche sul fronte randagismo – ha concluso il vicesindaco – stiamo adottando tutti quei provvedimenti utili e necessari al controllo della presenza sul territorio di cani senza padrone: e quindi sterilizzazioni, ricoveri presso canili e cercando di incentivare l’adozione.

Mi auguro – ha concluso il dott. La Porta – che questa mia uscita serva a far rinsavire quelle persone che agiscono in maniera così subdola e vile”.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento