menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Piazza

Stefano Piazza

Il Raffadali sconfitto 3 a 1 a Grotte dalla Libertas, dice addio al primo posto

I gialloverdi avevano illuso nel primo tempo, soffrendo pochissimo, e al 29° sono addirittura passati in vantaggio grazie a un contropiede finalizzato da Stefano Piazza

Oggi, con molta probabilità, si è deciso il campionato di promozione, che nei recuperi vedeva impegnate le prime due squadre in classifica. Il Canicattì ha vinto di misura contro la Nuova Sancis, mentre il Raffadali deve ammainare bandiera contro una Libertas Racalmuto che ha vinto rimontando il gol iniziale di Piazza.

I gialloverdi avevano illuso nel primo tempo, soffrendo pochissimo e al 29° sono addirittura passati in vantaggio grazie a un contropiede finalizzato da Stefano Piazza.

Nella ripresa, però, la Libertas, con il capocannoniere del torneo Cozma, si è fatta sotto rimontando lo svantaggio. La svolta si è avuta al 17° della ripresa con Falcone, costretto a commettere fallo in area su Cozma, che è stato espulso causando anche il calcio di rigore.

Lo stesso Cozma ha trasformato il penalty  pareggiando così la rete di Piazza. Il Raffadali ha accusato il colpo e dopo soli due minuti lo stesso Cozma ha completato il sorpasso insaccando alle spalle di Marziano, dopo essersi liberato dalla marcatura dei difensori gialloverdi., In inferiorità numerica e abbastanza sfiduciato, il Raffadali non ha vuto più la forza di reagire e a dieci minuti dalla fine è arrivato il terzo gol dei locali con Saydi.

Con questa sconfitta il Raffadali è ora distaccato di sette punti dalla capolista Canicattì, mentre la Libertas diventa la prima inseguitrice del Raffadali, distaccata però di ben otto punti. I giochi sembrano fatti, ma il campionato è ancora lungo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento