menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cuffaro e Di Giovanni

Cuffaro e Di Giovanni

Il sindaco Cuffaro interviene sulla polemica riguardante la festa della polizia locale

In un’ottica di fattiva collaborazione tra Enti locali e di coordinamento tra forze di Polizia ritenevo e ritengo istituzionalmente corretto fornire solidarietà e soccorso reciproco

Il primo cittadino di Raffadali, Silvio Cuffaro, ha inviato una lettera con la quale interviene a proposito della polemica scaturita dalla partecipazione di diversi agenti della Polizia Locale di Agrigento alla festa provinciale del Corpo degli agenti di Polizia Locale tenutasi a Raffadali lo scorso 26 gennaio. Questo l'intervento di Cuffaro: 

“Ho seguito sulla stampa e sui media la querelle “San Sebastiano” con sano distacco.
I problemi di una comunità sono altri e queste argomentazioni, francamente, mi sono sembrate scelte politiche per distogliere le attenzioni su altri temi, come dire, più caldi.

Sono rimasto basito, però, nel leggere su un quotidiano locale che né il Sindaco Firetto, né l’Assessore Muglia avessero dato “specifico atto d’indirizzo” alla locale Polizia per la partecipazione alla cerimonia di San Sebastiano che ha avuto luogo a Raffadali.

Cerimonia, sia ben chiaro, che non appartiene alla città di Raffadali ma a tutte le Polizie locali e che lo scorso anno è stata celebrata in Agrigento; ovvia la partecipazione sia della mia Amministrazione sia della Polizia locale.

Ancor di più (basito) quando leggo che l’Ass. Muglia ha dichiarato che “l’uso del gonfalone non è stato autorizzato” e che, quindi, la presenza dello stesso è frutto di un equivoco, di un silenzio-assenso quasi (anzi senza quasi) a voler prendere le distanze dalla città da me amministrata.

Voglio ricordare all’Ass. Muglia che agire come Ponzio Pilato non è rispettoso nei confronti dell’Amministrazione Comunale che ha ospitato la manifestazione, e principalmente non è rispettoso nei confronti della Polizia Locale dei comuni agrigentini.

Nelle nostre realtà il ruolo del Corpo della Polizia Municipale è fondamentale per il controllo e la gestione della vita della nostra città, sono il primo presidio di legalità nel territorio e devono affrontare e gestire quotidianamente, oltre ai problemi della sicurezza nelle strade e nelle piazze anche, in una visione più ampia, i rapporti con i cittadini con il suo complesso, e non meritano dalla Politica tali comportamenti.

Vorrei ricordare, ancora, all’Ass. Muglia che, in occasione del “Giro d’Italia 2018”, la Sua Amministrazione non ha lesinato fiato nel chiedere, per il mio tramite, sostegno alla Polizia Locale di Raffadali per potenziare i servizi di viabilità.

Ben quattro ispettori (ossia il 50% della forza) son venuti “a gratis” a dar man forte ai colleghi agrigentini. Guarda caso nessuno si è chiesto quale costo abbia dovuto sostenere la mia Amministrazione in termini di disservizio locale e di spesa.

In un’ottica di fattiva collaborazione tra Enti locali e di coordinamento tra forze di Polizia ritenevo e ritengo istituzionalmente corretto fornire solidarietà e soccorso reciproco.  Spero tanto che l’Amministrazione di Agrigento esca dal suo splendido isolamento e che possa fare da traino alle esigenze dei comuni viciniori iniziando col dare cittadinanza alle loro iniziative. 

Concludo per confermare la piena e totale disponibilità “a gratis” della locale Polizia alle esigenze della Città capoluogo.
La prossima volta abbia la città capoluogo la sensibilità di offrir loro almeno il pranzo”.

                                                                                          Avv. Silvio Cuffaro

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Solidarietà all'Arma dei carabinieri, bandiere a mezz'asta al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento