menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cuffaro e Caputo

Cuffaro e Caputo

Acqua pubblica: il prefetto "convoca" il sindaco Silvio Cuffaro

"L’auspicio è quello che emerga una sostanziale unità di intenti, finalizzata alla definizione di comuni obiettivi volti al superamento delle attuali criticità e al miglioramento della qualità e dell’economicità del servizio"

A seguito della decisione unilaterale del sindaco di Raffadali Silvio Cuffaro che, con un’ordinanza di suo pugno, ha deciso di avocare all’ente comune la gestione del servizio idrico, togliendolo così al gestore privato Girgenti Acque, accusato di gravi inadempienze, il prefetto di Agrigento Dario Caputo ha deciso di convocare una riunione con i massimi rappresentanti del comune di Raffadali.

È lo stesso sindaco Cuffaro che in una nota comunica la decisione del prefetto. “Lunedì 7 ottobre, per volontà ed esplicita richiesta di Sua Eccellenza il Prefetto di Agrigento, Dario Caputo, si terrà una riunione operativa per definire la delicata questione del passaggio del servizio idrico dall’ex Girgenti Acque al comune di Raffadali.

La definizione di tale incontro con Sua Eccellenza il Prefetto di Agrigento – dichiara Silvio Cuffaro – a cui va il mio personale ringraziamento, risulta necessaria per scongiurare ogni eventuale problema di ordine pubblico, viste le aspettative dei miei concittadini che all’unisono chiedono il ripristino della gestione dell’acqua pubblica quale prerogativa indiscutibile n capo al comune.

L’auspicio – aggiunge Cuffaro – è quello che emerga una sostanziale unità di intenti, finalizzata alla definizione di comuni obiettivi volti al superamento delle attuali criticità e al miglioramento della qualità e dell’economicità del servizio.

L’obiettivo – conclude Cuffaro – è quello che si arrivi a formulare, congiuntamente, un nuovo piano di utilizzo delle risorse idriche, idoneo a garantire assoluta autonomia al comune di Raffadali nel reperimento delle fonti e si assicuri, in condizioni di maggiore economicità e di garantita parità di diritti, la continuità dell’erogazione dell’acqua e il pieno rispetto dei parametri ambientali e sanitari”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento