rotate-mobile
Raffadali Raffadali

"I pupi antimafia" raccontano la storia di Rosario Livatino

Un evento forte ed importante che ha raccontato in un modo diverso le ultime vicende giudiziarie dell'Isola

Serata di ricordo a Raffadali. I "pupi antimafia" hanno raccontato la storia del giudice buono, Rosario Livatino. A partecipare all'anteprima nazionale del 18 marzo il settimanale "L'Amico del Popolo".  

Nella serata di ieri davanti la chiesa Madre raffadelese l'evento dedicato alla legalità. I "pupi "di Angelo Sicilia - secondo quanto riferisce il quotidiano 'L'Amico del Popolo -  hanno smesso i panni dei paladini e non raccontano le gesta di Carlo Magno ma la storia dei "paladini della legalità", degli "eroi" della terra siciliana barbaramente uccisi dalla mafia come Peppino Impastato, padre Pino Puglisi, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino a cui, ultimo del ciclo, si aggiunge la figura del giudice Rosario Livatino, barbaramente ucciso dalla stidda il 21 settembre del 1990 alle porte di Agrigento mentre stava per raggiungere il Tribunale.  L'evento è stato seguito da tanti raffadalesi, ed è stato un modo diverso ma utile per raccontare l'antimafia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I pupi antimafia" raccontano la storia di Rosario Livatino

AgrigentoNotizie è in caricamento