menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caro-Tares: l'opposizione chiede le dimissioni del sindaco Di Benedetto

Gli esponenti del Patto per il Territorio, hanno fatto affiggere sui muri di tutto il paese, un manifesto con il quale accusano Di Benedetto di essere il sindaco delle tasse e pertanto ne chiedono le dimissioni

Alla vigilia delle primarie del PD, l'opposizione a Raffadali e in particolare il gruppo del Patto Per il Territorio, ha chiesto ufficialmente le dimissioni del sindaco Giacomo Di Benedetto.

Gli esponenti del Patto hanno fatto affiggere sui muri di tutto il paese, un manifesto, che pubblichiamo integralmente, con il quale accusano Di Benedetto di essere il sindaco delle tasse e pertanto ne chiedono le dimissioni.

Questo il testo del manifesto: 

" SINDACO DELLE TASSE DIMETTITI!
TARES: CRISI DI IMPRESE E COMMERCIANTI I CITTADINI NON ARRIVANO PIU’ A FINE MESE

Il movimento cittadino del PATTO per il TERRITORIO di Raffadali, innanzi ai nuovi arrivi delle bollette del conguaglio della terza rata della TARES, dalla quale si evincono cifre esorbitanti a causa delle tariffe “abnormi” approvate di recente dal consiglio comunale, CHIEDE al Sindaco, Giacomo di Benedetto, di rassegnare le dimissioni per la leggerezza e l’inadeguatezza dimostrata su un tema così importante quale appunto le tariffe della tassa sulla SPAZZATURA. 

Il governo Monti, ricordato da tutti come il governo delle tasse, ha lasciato questa eredità che è stata subito raccolta da Giacomo Di Benedetto, il sindaco delle tasse, e dalla sua maggioranza in consiglio comunale che è stata poco attenta e sensibile nell’applicare i rincari in bolletta.

Infatti, quando ad alcune tipologie di attività commerciali quali “ ortofrutta, pescheria, fiorai e pizze a taglio”, viene assegnata la tariffa di circa €. 30,00 al mq., si da l’impressione di non volere interessarsi delle difficoltà in cui si trovano i bilanci delle aziende e delle famiglie raffadalesi.

Considerati anche gli aumenti del 40% sulla spazzatura “ TARSU” dello scorso anno e il raddoppio dell’addizionale comunale IRPEF, è naturale e conseguente il nostro invito al Sindaco a rassegnare immediatamente le proprie irrevocabili dimissioni.  

Ricordiamo a tutti i cittadini raffadalesi che, prima dell’insediamento dell’attuale Sindaco alla guida del paese, la tariffa della spazzatura era la seguente:
CON SILVIO CUFFARO SINDACO

  PER ABITAZIONI CIVILI IL COSTO ERA:                         €. 1,49 AL MQ.
  ATTIVITA’ COMMERCIALI IL COSTO ERA:                     €. 3,99 AL MQ.

CON GIACOMO DI BENEDETTO SINDACO
      PER ABITAZIONE CIVILE IL COSTO MEDIO E’ CIRCA:             €. 2,10 AL MQ.
      ATTIVITA’ COMMERCIALI IL COSTO VARIA DA:    €. 3,00 A   €. 30,00 AL MQ.

CARI CITTADINI, ANCHE SE CREDIAMO CHE IL SINDACO NON SI SCOSTERA’ MINIMAMENTE DALLA POLTRONA, NOI DEL PATTO PER IL TERRITORIO DI RAFFADALI RINNOVIAMO LA NOSTRA RICHIESTA DI DIMISSIONI ED INVITIAMO IL CONSIGLIO COMUNALE A PRENDERE LE DISTANZE PRESENTANDO UNA MOZIONE DI SFIDUCIA! "  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento