menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lunga e dettagliata replica dell'A&G al comune di Raffadali

Abbiamo deciso di seguire fino in fondo la vicenda per un dovere di cronaca e per rispetto nei confronti dei nostri lettori, esimendoci però da ogni commento. Ognuno è libero di leggere tutti i documenti pubblicati e di farsi un'opinione personale.

Il vivace (per usare un eufemismo) dibattito tra la società di riscossione A&G e il comune si arricchisce di un nuovo capitolo.

La società toscana ci ha inviato una nota di risposta al comune di Raffadali che noi pubblichiamo integralmente.

Abbiamo deciso di seguire fino in fondo la vicenda per un dovere di cronaca e per rispetto nei confronti dei nostri lettori, esimendoci però da ogni commento. Ognuno è libero di leggere (oppure no) tutti i documenti pubblicati e di farsi un'opinione personale.

Questa la lettera inviataci dall'A&G: 

"Non possiamo condividere la ricostruzione dei fatti e le giustificazioni contenute nella `Vostra nota in oggetto. Sono, rispettivamente, inesatte e parziali. Per questo riportiamo nelle pagine seguenti l'elencazione del flusso documentale per la corretta e fedele ricostruzione della vicenda, replicando puntualmente ad ogni giustificazione che si legge nella nota stessa.

Comune di Raffadali 
Con nota protocollo 2773 del 28 febbraio 2014 richiedeva di sospendere l’emissione dei solleciti di pagamento poiché l’Ufficio Tributi intendeva procedere a un parziale esame analitico di tali provvedimenti. 

Replica AeG spa
L'affermazione appare chiaramente pretestuosa, poiché a più riprese, l'Ente ha rinviato i termini di spedizione, facendo trascorrere inutilmente ben sette mesi. In realtà, i solleciti di pagamento, dovevano essere inviati agli utenti debitori secondo la pianificazione prevista nel protocollo disciplinare sottoscritto dalle parti il 16-O7-2013 e il cronoprogramma riportato al punto 4) del verbale di riunione prot. 8489 del giorno 16-07-2013 redatto in occasione della sottoscrizione del “protocollo disciplinare” predetto. Le giustificazioni da Voi addotte a supporto della sospensione prot.2773 risultavano già superate per le motivazioni analiticamente riportate (punti 1-2-3-4-5) nella nostra nota del O6-O3-2014 prot.6657. In tale nota si comunicava anche la nuova calendarizzazione che non è stata assolutamente sospesa. E come vedremo più avanti, non abbiamo nemmeno mai ricevuto nessuna diffida a procedere con la stampa e la notifica degli avvisi di accertamento.

2) Comune di Raffadali: 
Con atto di diffida protocollo n.4357 del 28/03/2014, trasmessa via pec. Si invitava codesta società a informare i destinatari di non considerare validi i solleciti inviati.  

 Replica AeG spa: 
Contrariamente a quanto affermate, nessuna diffida è mai pervenuta alla scrivente tantomeno quella a cui vi riferite (prot. 4357 del 28-03-2014), pervenuta per la prima volta solo oggi stesso come allegato nr. O3 alla Vs. ultima di cui in oggetto. Quindi ne abbiamo avuto conoscenza indiretta solo a diffamazione e discredito avvenuto.

3) Comune di Raffadali:
la spedizione di tali solleciti, emessi con il sistema della firma autografa sostituita a mezzo stampa, non risulta in alcun modo autorizzata dal funzionario comunale responsabile.

Replica AeG spa 
Dovrebbe esservi noto che tutti gli atti generati ed emessi dalla scrivente nel corso dei lavori (2010-2013) portavano sempre come intestazione il Comune di Raffadali con l'apposizione della firma in stampa del responsabile comunale dei tributi e l'indicazione della AeG come società di gestione. Prima di oggi non ci è mai pervenuta nessuna comunicazione e/o disposizione con l'invito a modificare i layout utilizzati. Inoltre le bozze di stampa di tutta la documentazione Vi sono sempre state inviate preventivamente, unitamente ai file di consegna dei provvedimenti emessi, da stampare e notificare. Ci e invece pervenuta, da parte del Rag. Giovanni Maragliano, con nota del 30-O9-2013 prot. 13337 l'autorizzazione attesa per il contenuto di cui alla nostra nota del 25-O9-2013 prot. 12225 che richiamava chiaramente i solleciti di pagamento da stamparsi e notificarsi con unito bollettino di conto corrente postale, intestato alla società anche per gli avvisi di accertamento.

4) Comune di Raffadali 
Rimane ferma e indiscussa la volontà del comune di riscuotere i tributi evasi e si invita pertanto codesta società a mettere a disposizione dello stesso Ente tutti i dati necessari per controllare la regolarità dei solleciti di pagamento inviati (avvisi di accertamento, relate di notifica, eventuali rettifiche o sgravi). 

Replica AeG spa:
 Tutta la documentazione che siete oggi a richiederci è già a vostra disposizione da mesi sul sito FTP a voi dedicato. Prova ne sono i verbali di consegna Prot.9077 del 25-O7-2013, Prot.9643 del O7-O8-2013 e la mail del giorno 19-11-2013 trasmessa al Dott. Mimmo D'Anna. Inoltre, tutta la documentazione che siete a richiederci e per altro disponibile, per la visualizzazione e la stampa, anche attraverso la procedura informatica gestionale che Vi abbiamo lasciato a disposizione unitamente alla formazione e affiancamento del personale dell'Ufficio tributi Comunale.

5) Comune di Raffadali: 
si chiarisce inoltre che il conto corrente postale di riferimento indicato nel sollecito di pagamento, trattandosi di attività stragiudiziale, propedeutica alla fase di riscossione coattiva, non può che essere quello comunale e non quello della società. 

Replica AeG spa: 
Il chiarimento stupisce non poco in quanto contraddice il dettato contrattuale e il protocollo disciplinare allegato alla delibera nr. 70 del 21-O6-2013 e sottoscritto il 16-07-2013. Contraddice, ovviamente, anche la procedura posta in essere e praticata fino ad oggi, relativamente ai tutti i conti correnti postali intestati alla società e dedicati ai servizi resi al Comune di Raffadali, ai quali avete comunque accesso attraverso il portale di Poste Italiane. Tuttavia se l'Ente ritiene opportuno apportare delle modifiche al dettato contrattuale, è necessario che ci anticipi prima e, comunque in tempo utile per le operazioni future, le modifiche che intende proporre. Queste saranno oggetto di valutazione ed eventuale accettazione condizionata.

6) Comune di Raffadali: 
Per trasparenza e completezza dell’informazione, si comunica che la presente nonché le note citate in premessa, saranno pubblicate sul sito web istituzionale dell’ente.   

Replica AeG spa:
 La trasparenza a cui Vi riferite non può limitarsi a pubblicare solo le note ritenute più opportune e non può prescindere dal pubblicare invece tutto il flusso documentale che si richiama a questa vicenda e che avete modo di riscontrare nel prospetto che segue.

Alla luce di quanto sopra precisato e richiamato, vogliate ora, senza ulteriori indugi, intraprendere le azioni tempestive necessarie per far rimuovere da ogni luogo (manifesti, pubblicazioni web e stampa locale) l'informativa contestata e nel contempo, diramare con altrettanta enfasi e capillarità una informativa correttiva, in grado di riabilitare con efficacia la validità dei solleciti di pagamento e del conto corrente postale nr. “8858417” intestato alla scrivente e specificatamente dedicato alla riscossione coattiva dei tributi accertati per conto di codesto Comune attraverso il quale sono attesi i versamenti per le somme dovute dagli utenti debitori.
Ribadiamo altresì, a nome dell'azienda, che con professionalità serietà e puntualità ogni giorno si impegna con le proprie risorse nel servire gli utenti delle A.C. nostre clienti, compresa quella di Raffadali, l'esigenza di far pubblicizzare una efficace informativa correttiva che sia in grado di riaffermare l'onorabilità e la professionalità della scrivente, gravemente lesa ea compromessa agli occhi degli utenti, degli Enti pubblici in genere e delle autorità che possono vigilare su questa incresciosa vicenda.
Infine si richiede sollecitamente, per prevenire probabili esclusioni che temiamo di dover subire nelle gare d'appalto a causa del discredito contestato, una Vostra certificazione, da poter produrre alle stazioni appaltanti sensibili a questa diffamante pubblicità, attestante che, la scrivente: è stata. erroneamente e ingiustamente coinvolta in una infondata campagna disinformativa immediatamente ritirata.


Distinti saluti,
Lucca 01/04/2014                                                                                L'Amministratore Unico Roberto Fulgeri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento