rotate-mobile
Raffadali Raffadali

I commenti dopo il "miracolo" dell'Esseneto

Non poteva scegliere posto e circostanza migliore, il Raffadali, per cercare di dare un calcio alla crisi con un risultato tanto eclatante, quanto, per certi versi, clamoroso. Vincere all’Esseneto, contro la squadra “monstre” del torneo, mai sconfitta e sempre vincente in casa, è un’impresa che può cambiare il corso del campionato.

Non poteva scegliere posto e circostanza migliore, il Raffadali, per cercare di dare un calcio alla crisi con un risultato tanto eclatante, quanto, per certi versi, clamoroso.

Vincere all’Esseneto, contro la squadra “monstre” del torneo, mai sconfitta e sempre vincente in casa, è un’impresa che può cambiare il corso del campionato del Raffadali, avviato nelle ultime settimane su un sentiero piuttosto grigio.

L’exploit contro l’Akragas, oltre a impinguare, con punti pesanti, una classifica che cominciava a preoccupare, potrebbe infatti fungere da trampolino di lancio per il rush finale.

Il neo tecnico Giuseppe Geraldi prova però subito a frenare i facili entusiasmi che potrebbero essere controproducenti. <È chiaro – ci ha detto il tecnico gialloverde – che siamo enormemente contenti del risultato e della prestazione. Avevamo bisogno di questo, sia per la classifica, ma soprattutto per il morale. È innegabile che dopo gli ultimi risultati la nostra autostima era bassissima ed era diventato difficile trovare argomenti per risollevare il morale della “truppa”.

Questa partita - ha aggiunto Geraldi – deve essere però un punto di partenza e non di arrivo. Dobbiamo renderci conto che siamo una squadra che non deve temere nessuno, ma dobbiamo dimostrarlo sempre sul campo, e non a parole, cercando di fare bene anche nelle prossime gare>.

Raggiante è invece il presidente Fabio Bruno, alla sua prima grande soddisfazione nel torneo di eccellenza. <In questo momento di gioia – ha detto Bruno – il mio pensiero e il mio primo ringraziamento vanno a Gaetano Longo. Se oggi siamo qui a gioire, parte del merito è anche suo che ci ha guidati così bene fino all’altro ieri.

Un grazie devo dire anche a Giuseppe Geraldi che ha saputo prendere subito in mano la situazione, capendo su quali tasti doveva insistere. E un grazie va anche alla squadra per il modo in cui ha reagito alle disavventure.

Il “miracolo” dell’Esseneto, ha risvegliato anche l’entusiasmo della politica. L’assessore allo sport, nonché vicesindaco, Mirella Iacono Manno si è voluta complimentare con tutta la squadra, tramite il presidente Bruno.

<Sono stata in contatto telefonicamente col presidente – ha spiegato il vicesindaco – negli ultimi trepidanti minuti di gara, informandomi continuamente sul risultato. Sono felice per questa prodezza della nostra squadra che fa onore a tutta la città e ci riempie d’orgoglio. Ho sofferto in queste ultime settimane per i risultati non certo esaltanti, ma ora sono convinta che è arrivata l'ora di voltare pagina. Noi continueremo a sostenere tutto lo sport a Raffadali, con l’augurio di ottenere sempre maggiori soddisfazioni>.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I commenti dopo il "miracolo" dell'Esseneto

AgrigentoNotizie è in caricamento