menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gaetano Longo

Gaetano Longo

Longo lascia la panchina del Raffadali, al suo posto Giuseppe Geraldi

A Raffadali Longo si è preso tantissime soddisfazioni, non ultima quella della scorsa stagione quando riuscì a regalare ai tifosi raffadalesi la prima storica promozione in eccellenza, guadagnata sul campo, stabilendo con loro un legame solidissimo, fatto anche di stima e affetto reciproco che, siamo convinti, si è solo interrotto, ma non definitivamente reciso.

Gaetano Longo, da oggi, non è più l’allenatore del Raffadali.

Il tecnico taorminese, che a più riprese, per circa dieci anni, ha allenato la formazione gialloverde, ha deciso di rassegnare le proprie irrevocabili dimissioni.

Una mossa non del tutto a sorpresa, ma molto probabilmente concordata con la società, visto che il presidente Fabio Bruno ha già designato il nuovo tecnico. Considerato che siamo già a quasi due terzi della stagione, si è preferito scegliere una soluzione interna, con un uomo che conosce perfettamente l’ambiente e i problemi della squadra e che allo stesso tempo possieda il cartellino di allenatore. L’identikit porta direttamente sulle tracce di Giuseppe Geraldi, che da oggi fino al termine della stagione avrà il doppio incarico di tecnico e giocatore.

<Vogliamo ringraziare Gaetano Longo – ha detto il presidente Fabio Bruno – per tutto quello che ha fatto in tutti questi anni per il Raffadali. A lui auguriamo ogni bene e ogni soddisfazione, come tecnico e come uomo, perché lo conosciamo benissimo e sappiamo che se lo merita, per l’impegno, la professionalità e l’amore che mette nel suo lavoro.

Abbiamo deciso di accogliere le sue dimissioni perché vogliamo dare una scossa a tutto l’ambiente e cercare di salvare una stagione che nella prima parte ci aveva riservato grosse soddisfazioni. Da oggi in avanti non ci saranno più alibi per nessuno e tutti dovranno dare il massimo per raggiungere gli obiettivi che sono ancora alla nostra portata, sperando che il sacrificio del nostro tecnico possa portare i frutti sperati>.

Quello di Longo è stato l’ultimo gesto di amore verso questa società alla quale ha dato molto, ma ha anche ricevuto altrettanto, riuscendo a crescere e maturare, come tecnico, un notevole bagaglio di esperienze.

A Raffadali Longo si è preso tantissime soddisfazioni, non ultima quella della scorsa stagione quando, contro pronostico, riuscì a regalare ai tifosi raffadalesi la prima storica promozione in eccellenza, guadagnata sul campo.

Quel successo ha rinsaldato un legame con l’intera città, che in tutti questi anni ha potuto apprezzare le straordinarie qualità del tecnico e soprattutto dell’uomo. Un legame solidissimo, fatto anche di stima e affetto reciproco che, siamo convinti, si è solo interrotto, ma non definitivamente reciso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento