menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Debora Paparone

Debora Paparone

A Raffadali la "Cake designer" è la racalmutese Debora Paparone

A stilare la classifica è stata una squadra di esperti del settore così composta: Giuseppe Albanese, Maurizio Artusi, Vincenzo Di Stefano, Giovanni La Rosa, Giovanni Mangione, Gaspare Martinez, Tommaso Molara, Giuseppe Sparacello e Francesca Tuzzolino.

Si è concluso a Raffadali, al Villaggio della Gioventù, il primo concorso di torte artistiche “Città di Raffadali”. Oltre venti i pasticceri (professionisti e dilettanti) che si sono sbizzarriti nel creare torte di varia fattezza, attenendosi però al tema del concorso, incentrato sulle torte nuziali.

Ad aggiudicarsi, a sorpresa, il primo posto è stata una pasticcera dilettante, la casalinga di Racalmuto, Alfonsina Debora Paparone, che ha intascato un premio di 250 euro. Un gradino più sotto si è piazzato l’empedoclino Vincenzo Albanese che ha portato a casa 200 euro, mentre terza classificata è stata la nissena Francesca Corrao, alla quale sono andati 100 euro.

A stilare la classifica è stata una squadra di esperti del settore di fama nazionale così composta: Giuseppe Albanese, Maurizio Artusi, Vincenzo Di Stefano, Giovanni La Rosa, Giovanni Mangione, Gaspare Martinez, Tommaso Molara, Giuseppe Sparacello e Francesca Tuzzolino. Una giuria specializzata ed autorevole che, con competenza e rigore, tenendo conto di vari parametri (originalità, estetica, cura dei dettagli e gusto) ha valutato le varie composizioni artistiche.

L’iniziativa, caratterizzata anche dall’atteso momento dedicato alla degustazione, è stata organizzata da Antonino Di Carlo e Giovanni Mangione con la partecipazione della Cake Designer Francesca Tuzzolino.

Maurizio Artusi, famoso enogastronomo e componente della giuria, è rimasto positivamente impressionato dalla qualità media dei partecipanti. “Devo dire che il livello qualitativo dei partecipanti è stato più che apprezzabile e il territorio agrigentino ha proposto dei componimenti di pregevole fattura sia dal punto di vista estetico sia per quanto riguarda il gusto. E mi ha sorpreso la qualità dei pasticceri dilettanti che in alcuni casi hanno fatto meglio dei professionisti”.

Anche l’agrigentino Giovanni Mangione, presente anch’egli in giuria, ha giudicato positivamente questo primo concorso di cake designer disputatosi a Raffadali. “Grazie anche alle tante trasmissioni televisive – ha detto Mangione – anche nel nostro territorio la qualità dei concorrenti si sta notevolmente alzando. In molti si cimentano in questa arte e ciò permette l’innalzamento qualitativo, conseguenza della ricerca di nuove sperimentazioni”.

Per il raffadalese Antonino Di Carlo, dal quale è partita l’idea di questo concorso, l’esperienza è senza dubbio da ritenersi positiva e da ripetere anche negli anni a venire, visto anche il buon successo di partecipanti e anche di pubblico, che ha seguito fino alla fine la conclusione del concorso e la premiazione dei vincitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento